Zenzero: tutte le proprietà e i benefici della radice più amata

Fino a qualche anno fa procurarsi dello zenzero era piuttosto complicato. Bisognava rivolgersi a negozi specializzati o ad erboristerie molto fornite. Ora invece non è più così, e questa radice dalle mille proprietà benefiche può essere reperita ovunque, dal supermercato sotto casa al negozio di frutta e verdura di fiducia. Le sue caratteristiche sono abbastanza note, ma se ancora non conosci tutte le proprietà dello zenzero, come usarlo e qual è la differenza tra lo zenzero fresco e quello essiccato, ecco una miniguida per orientarti nella conoscenza di questa pianta straordinaria.

Le proprietà dello zenzero: cos’è e a cosa serve  

Lo zenzero (nome botanico: Zingiber Officinale) è una radice ricavata da una pianta della famiglia delle Zingiberacee. A questa stessa famiglia appartiene anche il cardamomo, altra spezia molto conosciuta in cucina. Utilizzato in larga parte dell’Asia, non solo per la gastronomia, ma anche come pianta curativa (si pensi al Giappone o alla Cina e all’India), lo zenzero possiede numerose proprietà curative, tanto che è stato definito un vero e proprio superfood. Ma quali sono queste proprietà quasi “miracolose” di cui tutti parlano quando si affronta l’argomento zenzero? Vediamolo insieme.

 Aromatizzante, digestivo e antiossidante tra le principali caratteristiche  

La principale proprietà dello zenzero è quella di essere un aromatizzante molto valido in cucina. Ciò significa che conferisce un sapore leggermente caldo e piccante, ma anche frizzante, a pietanze e a liquori o bevande. A questa proprietà si affianca quella dell’essere un ottimo digestivo, utilissimo contro la pesantezza di stomaco post prandiale. Altra proprietà importante dello zenzero è il suo facilitare la circolazione periferica. È inoltre un antiossidante naturale portentoso: lo dimostra il fatto che riesca molto bene nella conservazione dei cibi e della frutta. Serve poi come antinfiammatorio per l’apparato digerente, e come antinausea. 

Zenzero, benefici: ecco quali sono  

Ora che conosciamo le proprietà dello zenzero, possiamo capire quali siano tutti i suoi benefici.

  • Legati alla proprietà aromatizzante ci sono ad esempio i suoi benefici sul sistema respiratorio, contro malanni di stagione come tosse, raffreddore e mal di gola. Un tonico leggermente alcolico con infuso di zenzero, un tè verde o nero con dello zenzero grattugiato e una tisana allo zenzero costituiscono un rimedio d’eccezione per curare naturalmente leggere patologie ai bronchi e alla gola.
  • Le proprietà digestive vanno invece di pari passo con i benefici sullo stomaco e l’apparato digerente. Essendo un calmante, lo zenzero riesce a lenire il mal di stomaco, la pesantezza dopo i pasti abbondanti, l’eccesso di acidi. È poi molto utile in qualità di antiemetico (contrasta cioè il vomito) ed antinausea, compresa quella da gravidanza. Non a caso viene utilizzato anche come coadiuvante naturale per contrastare gli effetti collaterali di alcune cure farmacologiche particolarmente aggressive (tipo alcune chemioterapie o antibiotici).
  • Vanno menzionati anche i benefici dello zenzero come antinfiammatorio. Il suo utilizzo si è infatti dimostrato efficace non solo contro le infiammazioni del cavo orale, ma anche contro le artriti, le infiammazioni intestinali (è accertato scientificamente che il principio attivo zingerone contrasti efficacemente il batterio Escherichia Coli, responsabile di diarree ed infezioni) e contro alcune cardiopatie.
  • Altri benefici dello zenzero hanno poi a che fare con il controllo dell’ipertensione arteriosa (pressione alta) e del tasso di glicemia nel sangue, tanto che si sta sperimentando come una delle possibili cure nel diabete di tipo II.

 Zenzero fresco o essiccato: le differenze 

Sono diversi i modi in cui lo zenzero può essere assunto, ed in effetti in commercio lo si trova in differenti tipologie.

  • Lo zenzero fresco è quello più comunemente usato. Si tratta della radice venduta tal quale, integra o in parti. In questo modo lo si può affettare, grattugiare, e conservare la restante parte in frigorifero per qualche settimana. Lo zenzero fresco può anche essere marinato in aceto, alla giapponese (gari), per gustarlo idealmente accanto al sushi, ma anche come semplice digestivo post pasti.
  • Oltre allo zenzero fresco troviamo poi lo zenzero essiccato. Quest’ultimo può essere reperito sia in polvere libera che sotto forma di compresse. La polvere può essere aggiunta alle pietanze o alle bevande, mentre le compresse hanno la sola funzione di essere utilizzati come integratori.
  • Con lo zenzero essiccato si preparano (soprattutto in Asia, ma la consuetudine sta diventando anche Occidentale) delle paste o delle pomate da applicare localmente per combattere artriti, dolori muscolari o congestioni bronchiali e nasali.

 Come usare lo zenzero: un superfood davvero versatile

 Sono tantissimi i modi di utilizzare lo zenzero, non solo in cucina, ma anche come rimedio naturale per curare alcuni malanni e disagi fisici. In cucina ha davvero molti utilizzi, il che rende lo zenzero un superfood versatile e dalle mille virtù. La radice fresca affettata in maniera molto sottile, può essere aggiunta alle insalate per un tocco in più o ad una zuppa, o anche a dei secondi piatti (di pollo, alcuni tipi di pesce e carni rosse o selvaggina) per renderli più piccanti. Un piccolo mucchietto di radice grattugiata può essere lasciato in infusione in una tazza di tè verde o nero, insieme con una buccia di limone, per una bevanda super digestiva. Lo stesso si può dire per i liquori allo zenzero, dati dall’infusione della radice in alcool e zucchero. Affettato e marinato nell’aceto costituisce un complemento ideale ad un pasto, mentre la polvere di zenzero può essere aggiunta ai succhi di frutta o agli estratti per conferire un sapore speciale e uno sprint in più.

 L’utilizzo in pasticceria per biscotti, pani e marmellate

L’uso dello zenzero in polvere è noto in pasticceria. Viene infatti aggiunto come ultimo tocco nell’impasto di biscotti o della pasta frolla, soprattutto se abbinato alla cannella, per creare ricette speziate che ben si abbinano al clima natalizio. Non a caso i dolcetti allo zenzero, o il pan di zenzero, sono molto conosciuti nei Paesi del Nord Europa. Lo zenzero, infine, si presta come ingrediente particolare per preparare golosissime marmellate e confetture di frutta.