La trasmissione in diretta streaming può avvenire grazie all’utilizzo di diverse tecnologie. In questo articolo, però, ci si soffermerà sulla creazione di un sistema composto da due telecamere, un computer e un microfono
Con il setup presentato è possibile creare un’inquadratura principale, un’inquadratura secondaria, una schermata di condivisione del desktop per poter vedere il funzionamento di presentazioni o programmi, usando un canale audio indipendente per il microfono.

Le video camere

La camera numero uno è quella integrata al computer. La webcam.  Si può ottenere una buona qualità dei video grazie ai tre punti di illuminazione o alla luce naturale.
Per quanto riguarda la seconda telecamera è consigliabile utilizzarne una collegata tramite uscita HDMI ad un dispositivo I/O, che viene così trasformato in collegamento USB. Programmi impiegati per mixare come OBS permetto di trasformare una videocamera in una webcam. Oppure si può ricorrere a dispositivi esterni come il Web Presenter di Blackmagic. Si può utilizzare una configurazione molto semplice oppure aumentare il numero di ingressi grazie a sistemi esterni, come quelli delle linea Atem o quelli di Roland, che hanno il pregio di non vincolare le sorgenti video alla risoluzione.
L’utilizzo di più camere permette di mostrare prospettive differenti che arricchiscono il video; il sistema multicamera dà inoltre la possibilità di accostare panoramiche totali a immagini strette su un particolare.
In linea di principio sarebbe meglio usare un solo mixer in modo da fornire al PC un singolo segnale al fine di alleggerire l’elaborazione dei filmati.
È consigliabile usare un solo apparecchio che controlli grafica, riproduzione video, codifica, registrazione così da dare al pc un segnale solo, già pronto per essere trasmesso

Il mixer video

La modalità più economica per poter controllare diversi ingressi è quella di ricorrere all’uso di uno un softwere come Streamlabs OBS, gratuito, open source, con un buon funzionamento. OBS permette la codifica, attraverso le risorse del computer, e trasmette in streaming per poter fare dei live su qualsiasi piattaforma con protocollo RMPT, tra cui Twitter e Facebook  oltre che a una presentazione in diretta su Youtube.
L’utilizzo di questo programma richiede poco tempo per l’ apprendimento ed è semplice da configurare. Permette di condividere sia lo schermo che l’audio del proprio computer. Queste caratteristiche fanno in modo che dal proprio dispositivo si possano condividere file Powerpoint, spiegazioni di software, contributi video.

Ingressi Audio

La versione più semplice di questo sistema prevede un dispositivo con microfono, sia anche applicato ad una cuffia, ma che abbia una presa USB. È possibile impiegare un microfono dotato di uscita XLR ma trasformandone l’uscita con un’ interfaccia in USB: l’importante è che abbia l’alimentazione phantom e sia in grado di effettuare un controllo del segnale in ingresso.

Il risultato

La configurazione semplificata permette di effettuare sia un discreta conference call, che una presentazione dinamica ed evoluta ma al tempo stesso economica. In questo modo è possibile ottenere una postazione streaming multicamera in grado di produrre contenuti audio limpidi e contenuti video articolati.
Ma per risultati professionali, come lo streaming interattivo, o dirette più articolate con elementi diversi sono, richiesti strumenti più complessi che non possono prescindere da una vera e proprio regia video. E soprattutto di un bagaglio di competenze maggiori. Oltre che di risorse economiche diverse

Ph gianandrea-villa-unsplash

Posted in: Web