Il deposito mobili aiuta tutti coloro i quali hanno deciso di acquistare una casa da ristrutturare. Si tratta di un’evenienza sempre più presa in considerazione e, nella maggior parte dei casi, si tratta di veri e propri affari immobiliari che è difficile lasciarsi scappare.

Proprio alla luce delle esigenze che cambiano, si deve prendere in considerazione questo servizio che viene offerto da un numero sempre crescente di ditte di traslochi  (ecco una ditta di traslochi con servizio di deposito mobili.)

Cosa si intende per deposito mobili

Quando si parla di deposito mobili si intende un servizio di magazzinaggio che viene messo a disposizione di chi ne ha necessità.

Spesso, quando si deve traslocare in una casa da ristrutturare, ci sono dei tempi tecnici da prendere in considerazione. Per questo motivo che si ha la necessità di stipare i propri mobili e tutti i propri oggetti personali per un periodo di tempo, che può essere lungo o corto a seconda delle esigenze che si hanno e delle tempistiche della ristrutturazione.

Non tutti, però, hanno a disposizione uno spazio di questo tipo ed è pertanto necessario usufruire di un servizio ad hoc. Scegliendo una buona ditta di traslochi che fornisce il servizio sarà possibile avere a propria disposizione uno spazio a un prezzo conveniente.

Possiamo dire che l’idea nasce negli Stati Uniti. Al client viene fornito uno spazio, solitamente un box, nel quale sistemare tutti i suoi arredi, in suoi effetti personali e le sue cose.

Si tratta di un affitto temporaneo  e il cliente avrà a propria disposizione lo spazio necessario da gestire come meglio crede.

I costi del deposito mobili possono variare da ditta a ditta. Si tratta di ambienti sicuri e videosorvegliati e il loro costo si aggira tra i 5 e i 10 euro a metro cubo. Più è lungo il periodo di affitto e più diminuiscono i costi.

Di solito saranno necessari circa 8 metri cubi per contenere i mobili di un appartamento di dimensioni medie. Chi, invece, deve trasferire un ufficio e quindi ha da stipare anche scrivanie, macchinari, archivi e quant’altro, avrà bisogno di almeno 10 metri cubi di spazio a propria disposizione.

Questa è una soluzione ingegnosa e molto utile per chi ha delle esigenze ben specifiche ma non sa come fare per stipare i propri mobili e tutti i suoi elettrodomestici nell’attesa della fine dei lavori di ristrutturazione.

L’opzione deposito mobili è da prendere in considerazione anche in altre situazioni. Ad esempio, quando ci si trasferisce per un periodo di lavoro in un’altra città o all’estero e non si vuole continuare a sostenere i costi dell’affitto della propria casa. In quel caso, quindi, sarà necessario avere un posto a propria disposizione in cui conservare i propri mobili, gli elettrodomestici e tutto il necessario.

Si tratta di un servizio richiesto e apprezzato da un numero sempre crescente di persone e, in quanto tale, da prendere in considerazione per le proprie esigenze.