Cancellazione CRIF dopo saldo e stralcio, ecco come cancellarsi dalla centrale rischi

Qual è la procedura esatta per effettuare la cancellazione CRIF dopo saldo e stralcio? Leggi l’articolo.

Se sei capitato in questo articolo è perché sicuramente conosci qualcuno che è stato segnalato alla CRIF e vuoi conoscere l’esatta procedura per effettuare la cancellazione. La CRIF è la Centrale Rischi di Intermediazione Finanziaria ossia un archivio contenente tutte le informazioni sui cittadini che hanno effettuato mutui, prestiti o un’altra operazione a rate per il pagamento di un bene mobile od immobile, o per altri motivi. Essere segnalati al CRIF vuol dire che per qualche motivo personale hai smesso di pagare le rate oppure hai lasciato un debito insoluto e quindi risulti un cattivo pagatore. Essere segnalati vuol dire che ogni banca o istituto di credito che controllerà le tue credenziali non sarà propenso a predisporre il denaro di cui hai bisogno e quindi ti rifiuterà la linea di credito. Se però hai eseguito il saldo e straccio e quindi hai estinto il tuo precedente debito puoi richiedere la cancellazione del nominativo all’interno del database, scopriamo come fare.

Come procedere?

C’è da considerare che non è possibile eseguire cancellazione del nominativo finché si ha il debito aperto. Ecco perché è bene chiuderlo il prima possibile. Per chiuderlo dovrai saldare l’intero importo e puoi appunto sfruttare la soluzione saldo e stralcio. A differenza di quanto si pensi la cancellazione del sistema è molto semplice. Una volta estinto il debito la cancellazione avverrà automaticamente. Tu debitore non dovrai far nulla, la richiesta di cancellazione del nominativo partirà automaticamente quando il creditore effettuerà comunicazione dell’estinzione del debito.

Tempi per la cancellazione dal CRIF

Le tempistiche di cancellazione di un singolo individuo possono variare a seconda di diversi fattori, vediamo quali:
– Tipologia di finanziamento richiesta
– Stato del nominativo debitore ligio o cattivo pagatore
– Aggiornamenti della pratica
Ecco i tempi esatti per ogni caso:
– 180 giorni è il tempo massimo per la cancellazione dopo richiesta di finanziamento.
– 90 per una cancellazione dopo un rifiuto.
– 60 mesi estinzione di mutuo o finanziamento con pagamenti regolari.
– 12 mesi per i pagamenti con lieve ritardo.
– 24 mesi con pagamenti ritardatari.
– 36 mesi per pagamenti non pervenuti e debiti mai saldati.

Come funziona con il saldo e stralcio?

Il saldo e stralcio è una soluzione che permette di risolvere immediatamente i propri debiti. Creditore e debitore si accordano per una cifra economica che dovrà essere versata in un’unica soluzione. Dopo che sarà stato saldato l’intero importo allora si effettua una quietanza di saldo e stralcio ossia il creditore non può più richiedere altri soldi per quello specifico debito. La cancellazione dal CRIFT anche in questo caso avviene automaticamente. Una volta che il creditore comunicherà il saldo del debito partirà la richiesta di cancellazione del nominativo dalla banca dati.