Bolletta luce e gas: come risparmiare

Le bollette dell’energia elettrica e del gas incidono pesantemente sull’economia delle famiglie. Esistono però dei trucchi che possono aiutare a risparmiare e, allo stesso tempo, evitare inutili sprechi nocivi per l’ambiente. Sono tante le piccole azioni quotidiane che consentono di salvare il portafoglio con un occhio all’ambiente. Si possono ad esempio scegliere elettrodomestici a risparmio energetico e osservare alcuni accorgimenti, come non lasciare gli apparecchi in stand-by o spegnere le luci non necessarie in casa. A tutto ciò va ad aggiungersi la scelta del piano tariffario più conveniente nel vasto panorama dell’offerta luce e gas presente sul mercato. In questa pratica guida vi diamo alcuni utili suggerimenti su come risparmiare sulla bolletta luce e gas.

Ridurre i consumi per risparmiare in bolletta

La via del risparmio, quando si parla di utenze luce e gas, sta nel mettere in atto comportamenti corretti che permettano di abbassare i consumi. Per tagliare i costi della bolletta a volte è sufficiente modificare le proprie abitudini attraverso piccoli accorgimenti pratici apparentemente banali. Ecco alcune buone abitudini da seguire per ridurre i consumi di luce e gas:

  • non lasciare le luci accese nelle stanze vuote della casa;
  • staccare la spina degli elettrodomestici non utilizzati oppure impiegare una presa multipla dotata di interruttore che, una volta spenta, toglie l’alimentazione a tutti gli apparecchi attaccati;
  • utilizzare la funzione di deumidificazione del condizionatore al posto di quella di raffrescamento;
  • chiudere bene lo sportello del frigo;
  • utilizzare la lavatrice e la lavastoviglie solo a pieno carico;
  • asciugare le stoviglie aprendo lo sportello e non con il programma dedicato;
  • fare la manutenzione della caldaia;
  • d’inverno impostare il termostato ad una temperatura adeguata, ovvero non maggiore di 20°C.
  • di sera abbassare le serrande per non disperdere il calore;
  • ai fornelli, evitare inutili dispersioni di calore, accertandosi che i fuochi coprano al massimo i due terzi del fondo della pentola, e utilizzare i coperchi per ridurre i tempi di cottura;
  • posizionare dei paraspifferi a finestre e porte-finestre.

Scegliere il piano tariffario più conveniente

Senza voler trascurare gli accorgimenti utili a ridurre gli sprechi e a mitigare i consumi, il confronto delle tariffe è il metodo più efficace per avere una panoramica completa di quanto offre il mercato libero e risparmiare sull’energia. Sul web ci sono tanti comparatori che possono tornare utili. Per esempio, è possibile trovare la migliore offerta luce e gas su Facile.it e conoscere le particolarità delle singole promozioni in modo da individuare la proposta più mirata per le esigenze della propria famiglia.

Ci sono momenti in cui il cambio di gestore diventa fortemente raccomandabile, per esempio quando si cambiano gli orari in cui si è presenti in casa o quando la propria tariffa non risulta più conveniente. Effettuare questa operazione non comporta il pagamento di penali o costi aggiuntivi e il cliente non subisce alcun tipo di interruzione del servizio. Inoltre, è il nuovo fornitore a gestire tutte le pratiche del passaggio con il vecchio.

Aderire al mercato libero dell’energia

Abbandonare il mercato tutelato dell’energia può essere un metodo per tagliare la bolletta. Nel mercato libero, infatti, sono presenti le migliori occasioni di risparmio per le forniture di luce e gas. Un consiglio è quello di non essere precipitosi nella scelta della tariffa, valutare cosa scegliere tra mercato libero o tutelato per poi procedere con un’analisi comparativa per individuare la soluzione che si adatta meglio al proprio profilo di consumo e all’uso che si fa dell’energia elettrica e del gas.

Scegliere tariffe Dual Fuel

A proposito di come risparmiare sulla bolletta luce e gas sottoscrivendo una tariffa più conveniente, è consigliabile valutare le tariffe dual fuel, che prevedono un unico contratto per le due forniture di luce e gas. Attivare con lo stesso fornitore entrambe le componenti permette, in genere, di beneficiare di sconti diretti in fattura e di altri vantaggi, come la bolletta unificata o i buoni da spendere per altre tipologie di servizi. Inoltre, alcuni fornitori prevedono l’attivazione di una certa promozione solo in caso di sottoscrizione simultanea di una tariffa luce e gas.

Fare attenzione alle fasce di consumo

Un altro elemento che può contribuire alla riduzione dei consumi di elettricità è fare attenzione alle fasce di consumo, scegliendo tra tariffa monoraria, bioraria o trioraria in base alle esigenze della propria famiglia. La prima tariffa è indipendente dall’orario di utilizzo, ed è quindi adatta per coloro che consumano di più durante il giorno. La seconda prevede delle fasce orarie con prezzi differenti, e in particolare una riduzione dei costi tra le 19 e le 8 del mattino. La terza, infine, è la più conveniente e interessa i week-end e le giornate festive. Affinché la tariffa bioraria sia conveniente rispetto a quella monoraria occorre che i consumi in fascia F1 (la parte della giornata compresa tra le 8 e le 19) siano inferiori al 33%. Il risparmio, quindi, va sempre tagliato su misura e può essere pianificato solo diventando più consapevoli delle spese domestiche e del connesso consumo di risorse.

Migliorare l’efficienza energetica

Quando si parla di come risparmiare sulla bolletta luce e gas, un aspetto che molti non prendono in considerazione è che sostituire le lampadine più vecchie con le nuove con tecnologia LED ha un notevole impatto sulla bolletta. Le lampade a LED, infatti, sono più durevoli, più efficienti e meno dispendiose rispetto a quelle tradizionali. Per fare un confronto, una lampada a LED sviluppa il 10% del calore (contro il 95% delle vecchie lampadine a incandescenza) ed emette il 90% di luce in più.

Un altro modo per ridurre l’impatto sulla bolletta di luce e gas è quello di investire nell’intelligenza artificiale, che permette di gestire in maniera ottimizzata diversi aspetti della vita quotidiana, garantendo un consumo di energia efficiente. Basti pensare che con l’Internet of Things (IoT) è possibile controllare quanta energia si utilizza in casa e pianificare azioni mirate per ridurre gli sprechi, come programmare l’uso degli elettrodomestici nell’orario più conveniente.

Per ridurre la bolletta energetica è anche molto utile installare per ogni radiatore una valvola termostatica con contabilizzatore di calore. Queste valvole garantiscono un effettivo risparmio poiché rendono indipendente il funzionamento dei vari termosifoni all’interno dell’abitazione, consentendo di ottimizzare stanza per stanza il calore prodotto, senza sprechi.

Un altro consiglio utile per chi ha in programma la ristrutturazione della casa è quello di effettuare lavori di isolamento termico, considerando che gli interventi di riqualificazione aiutano a migliorare la temperatura all’interno dell’abitazione durante tutto l’arco dell’anno. Un’opzione potrebbe essere l’installazione del riscaldamento elettrico svedese, che permette di uniformare il riscaldamento della casa senza dispersioni.

L’etichetta energetica

Una delle mosse più importanti che possiamo giocarci per ridurre i consumi è quella di optare per elettrodomestici a basso consumo, preferendo le classi energetiche A o A+++, che garantiscono minori consumi energetici, consentendo così di ridurre la bolletta in maniera consistente. L’etichetta energetica indica i consumi di qualsiasi apparecchio e consente così di scegliere l’elettrodomestico più efficiente.

Tuttavia, è bene ricordare che da marzo 2021 alcune categorie di elettrodomestici (lavastoviglie, lavatrici, frigoriferi, tv e display) sono tornate ad essere classificate in base a una scala compresa tra A (massima efficienza) e G (bassa efficienza).