Lametta da barba: cura e ogni quanto cambiarla

Le lamette da barba esistono ormai da oltre un secolo, sembrerebbe infatti che le prime furono prodotte nel 1903, e da quel momento sono diventate uno strumento di cui gli uomini non possono fare a meno. Si tratta di un accessorio che è presente per la maggior parte della vostra vita, ma vi siete chiesti quante volte potete usare una lametta prima di cambiarla?

Se così fosse, basta leggere questo articolo fino in fondo e avrete la vostra risposta.

Come preservare una lametta da barba

Radersi quotidianamente non fa male, anzi, alcuni studi scientifici dimostrano che farsi la barba ogni giorno aiuta a mantenere la pelle sana e giovane perché la lametta favorisce il ricambio delle cellule.

Le lamette da barba di ultima generazione solitamente non possono essere utilizzate per più di due o tre rasature, a meno che non si utilizzino degli accorgimenti per quanto riguarda la pulizia. Quasi sicuramente dopo l’utilizzo sciacquate la lametta sotto l’acqua corrente per togliere i residui di sapone, rimettete la custodia protettiva e la riponete.

Questi passaggi sono corretti, ma si potrebbe avere un pochino più di attenzione per la pulizia delle lame, queste sono l’elemento fondamentale per prevenire l’usura della lametta.

La maggior parte dei prodotti per la barba hanno il difetto di essere molto densi e appiccicosi, quindi si attaccano alle lame in maniera piuttosto forte, per questo un semplice risciacquo sotto il rubinetto non è sufficiente a ripulirle da tutti i residui.

Anche se guardando la lametta, può sembrare pulita non è così, e l’acqua unita ai residui vanno a creare l’ambiente perfetto alla proliferazione dei batteri. Questo è un fattore da non sottovalutare dato che, anche se prestate la massima attenzione, la pelle del viso al passaggio delle lame tende a irritarsi in alcuni punti e la presenza dei batteri può provocare l’insorgere di piccole ma fastidiose infezioni.

Per questo motivo vi suggeriamo di mettere la lametta ad asciugare al sole dopo averla accuratamente sciacquata, evitate di usare l’asciugacapelli. Un altro piccolo trucchetto, da fare prima della rasatura, è quello di disinfettare le lame. Potete passare la testina della lametta per alcuni secondi su una fiamma, oppure procuratevi un liquido antibatterico con il quale igienizzare le lame, eliminerete i batteri e avrete una rasatura molto più sicura.

Quando buttare la lametta? Ecco i dettagli ai quali fare attenzione

Abbiamo visto che, con una pulizia più accurata, si può riuscire a far durare la lametta più a lungo. In questo modo potrete far durare la vostra lametta anche fino a cinque rasature.

Molti uomini buttano la lametta quando notano i primi segni di usura delle lame, oppure quando non rende più al massimo. Questi sono sicuramente i fattori principali, ma ci sono anche un altro paio di punti da tenere in considerazione per capire quando è arrivato il momento di buttare la lametta da barba.

La barretta di plastica che si trova sopra le lame è il principale indicatore dell’usura della lametta.

Questa barretta, spesso di colore piuttosto sgargiante, è l’indicatore dello stato di salute della lametta, se questa è ancora integra e mantiene il suo colore acceso, potete effettuare ancora due rasature, se invece è visibilmente usurata e presenta delle macchie, allora è meglio sostituirla con una lametta nuova.

L’uso della lametta dipende anche dalla tipologia di barba

Gli indicatori d’usura che abbiamo visto sono universali e quindi valgono per ogni tipo di lametta da barba, ma la durata dipende anche dalla tipologia di barba con cui si ha a che fare.

Se i peli sono sottili e facili da tagliare, le lame vengono sfruttate meno. Di conseguenza gli uomini dai tratti somatici chiari, con capelli e barba biondi con peli piuttosto esili riusciranno ad effettuare più rasature con la stessa lametta.

Uomini con peli più spessi, con carnagione scura e capelli e barba castani, avranno più difficoltà a radersi, le lame faranno più fatica a tagliare i peli e si usureranno prima riducendo le rasature ad un massimo di quattro.

Adesso sapete come prendervi cura della vostra lametta da barba per farla durare di più e quali sono i fattori che indicano che è ora di sostituirla con una nuova. Spendere qualche minuto in più per prendersi cura degli strumenti di rasatura vi permetterà non solo di radervi meglio, ma anche di evitare quei piccoli disturbi legati alle irritazioni e di limitare al minimo le possibili infezioni.