Le conseguenze fisiche dell’abuso di cocaina

La cocaina è una sostanza stimolante molto forte e dalle potenzialità devastanti, che si ottiene dalle foglie della pianta di coca, originaria del Sud America.

La cocaina ha una lunga storia di uso culturale e cerimoniale tra le popolazioni indigene ma, oggigiorno, viene utilizzata solo a scopo ricreativo e illegale e il suo abuso si associa a gravi conseguenze fisiche, psicologiche e sociali.

In questo articolo esploreremo l’uso e i danni da cocaina traendo molte informazioni da uno dei centri più noti per il sostegno a persone dipendenti dalle droghe: la Comunità di San Patrignano.

Le modalità di assunzione della cocaina

La cocaina può essere assunta in vari modi, ciascuno dei quali comporta rischi specifici:

  1. Sniffata (insufflazione): la forma più comune di assunzione, in cui la polvere di cocaina viene aspirata dal naso. Ciò consente un rapido assorbimento nel flusso sanguigno attraverso le mucose nasali.
  2. Fumata: in questa forma, la cocaina è spesso trasformata in crack, che viene fumato. Il crack permette alla droga di raggiungere il cervello molto rapidamente, provocando un’intensa e breve euforia.
  3. Iniettata: la cocaina può essere sciolta in acqua e iniettata nel flusso sanguigno. Questo metodo comporta un altissimo rischio di overdose, oltre al rischio di infezioni trasmesse per via ematica, come il rischio di HIV, il virus dell’immunodeficienza umana (AIDS).
  4. Assunta per via orale: l’ingestione è meno comune; la cocaina viene lentamente assorbita dal tratto gastrointestinale.

Gli effetti immediati della cocaina

In seguito all’assunzione di cocaina si presentano effetti immediati potenti e di breve durata. In particolare:

  • Euforia: un’intensa sensazione di benessere e piacere.
  • Aumento dell’energia: sensazione di maggiore vitalità e diminuzione della fatica.
  • Aumento della vigilanza: sensazione di maggiore attenzione e prontezza mentale.
  • Diminuzione dell’appetito: riduzione della fame, che può portare a una significativa perdita di peso con l’uso prolungato.

Tuttavia, accanto a questi effetti desiderati, la cocaina provoca anche numerosi effetti collaterali negativi.

Ad esempio, l’aumento della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna che, mettendo il sistema cardiovascolare sotto stress, accresce il rischio di infarti e ictus; la dilatazione delle pupille, che può causare fotofobia, e uno stato di agitazione e ansia.

I danni da cocaina nel lungo termine

I danni da cocaina dovuti all’uso regolare di questa droga possono essere gravi e, in alcuni casi, irreversibili. Di seguito, esploreremo le principali conseguenze fisiche legate all’abuso di cocaina.

-Problemi cardiovascolari

In merito a questi problemi, abbiamo consultato l’autorevole sito della Fondazione Veronesi  e abbiamo appreso che la cocaina stimola il sistema nervoso centrale provocando un aumento della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna e che l’uso cronico di questa droga può portare a:

  • Infarto miocardico: una delle cause principali di infarto tra i giovani adulti. La droga causa la costrizione delle arterie coronarie, riducendo l’afflusso di sangue al cuore.
  • Cardiomiopatia: l’uso prolungato può indebolire il muscolo cardiaco, causando insufficienza cardiaca.
  • Ictus: l’aumento della pressione sanguigna può provocare la rottura di vasi sanguigni nel cervello, portando a ictus emorragici.

-Problemi respiratori

L’assunzione di cocaina, soprattutto attraverso il fumo, può causare gravi danni al sistema respiratorio:

  • Bronchiti e polmoniti: l’irritazione cronica delle vie respiratorie può portare a infiammazioni e infezioni.
  • Embolia polmonare: la cocaina può causare coaguli di sangue che possono bloccare le arterie polmonari.

-Problemi neurologici

I danni da cocaina sul cervello e sul sistema nervoso possono essere devastanti:

  • Convulsioni: l’eccitazione eccessiva del sistema nervoso centrale può causare crisi epilettiche.
  • Danni cerebrali: l’uso cronico di cocaina può portare a deficit cognitivi, perdita di memoria e deterioramento delle funzioni esecutive.
  • Psicosi cocainica: l’uso continuo può causare psicosi, caratterizzate da paranoia, allucinazioni e comportamenti aggressivi.

-Problemi gastrointestinali

L’uso di cocaina può anche avere gravi ripercussioni sul sistema digestivo:

  • Ulcere gastriche: l’assunzione orale della cocaina può causare gravi danni alla mucosa gastrica.
  • Ischemia intestinale: la costrizione dei vasi sanguigni può ridurre l’afflusso di sangue all’intestino, causando dolore addominale e necrosi intestinale.

-Problemi dermatologici

L’iniezione di cocaina porta a rischi specifici per la pelle e i tessuti:

  • Ascessi e infezioni: L’uso di aghi contaminati può causare gravi infezioni della pelle e dei tessuti sottostanti.
  • Necrosi dei tessuti: La cocaina iniettata può causare la morte dei tessuti, portando a ulcere 

Danni da cocaina sul naso

Come abbiamo visto, uno dei metodi più comuni di assunzione della droga è “sniffarla” e ciò comporta gravi conseguenze per la salute del naso e dei tessuti circostanti.

I problemi più significativi sono l’irritazione e l’infiammazione delle mucose nasali, con conseguenti arrossamento, gonfiore e dolore, la perforazione del setto nasale dovuta alla necrosi dei tessuti cartilaginei che separano le due narici, accompagnata da difficoltà respiratorie, dolore e sanguinamento frequente.

Si aggiungono poi rinite cronica, caratterizzata da naso che cola continuamente, congestione e frequenti infezioni nasali, anosmia, poiché l’abuso di cocaina può danneggiare i nervi olfattivi facendo perdere l’olfatto, e sanguinamenti nasali frequenti (epistassi).

La risoluzione dei danni da cocaina al naso richiede un approccio multidisciplinare che coinvolge sia trattamenti medici che cambiamenti comportamentali.

Infatti, oltre a smettere di assumere la droga, occorre l’aiuto di personale sanitario specializzato, che sappiano indicare le vie terapeutiche più efficaci.

Per approfondire questo aspetto, abbiamo chiesto informazioni al Dr. Alessandro Valieri, otorinolaringoiatra esperto nel trattamento dei danni da cocaina a carico di naso e alte vie respiratorie.

Anzitutto, per ridurre l’infiammazione e alleviare la congestione nasale si può far ricorso a farmaci antinfiammatori e decongestionanti e, nel caso di un’infezione, agli antibiotici.

Nei casi più gravi, può essere necessaria anche la chirurgia, per ricostruire il setto nasale perforato e i tessuti nasali circostanti.

In alternativa alla chirurgia tradizionale, è possibile riparare i danni da cocaina al naso attraverso la terapia laser che, con un approccio poco invasivo, riduce l’infiammazione cronica delle mucose nasali, migliora il flusso sanguigno e accelera la guarigione dei tessuti.

Prevenire la dipendenza e i danni da cocaina  

In conclusione, anche se gli effetti euforizzanti della cocaina possono sembrare attraenti, il suo utilizzo comporta un altissimo costo in termini di salute fisica e mentale.

I danni da cocaina sono numerosi e gravi, e possono interessare i sistemi cardiovascolare, respiratorio, neurologico, gastrointestinale e dermatologico.

Per mitigarne gli effetti devastanti è necessario educare alla prevenzione e intervenire con tempestività sui danni da cocaina già in essere e sulla dipendenza fisica e psicologica alla droga.