XXXII Rimini Meeting: Guest star, arte e storia all’insegna dell’Unita’ d’Italia

//   18 agosto 2011   // 0 Commenti

meeting 2011

Sarà all’insegna dell’Unita’ d’Italia la prima giornata del Meeting di Rimini. Infatti, l’incontro inaugurale, in collaborazione con l’Intergruppo per la Sussidiarietà fondato dall’Onorevole Maurizio Lupi, vice Presidente dell Camera,  vedrà la presenza del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano sul tema “150 di sussidiarietà”, titolo della mostra che verrà inaugurata nella giornata del 21 agosto.

All’incontro con il capo dello stato ci sarà il presidente del Meeting Emilia Guarnieri. “C’e’ grande attesa – confessa la stessa presidente del meeting Emilia Guarnieri – Ci stiamo preparando ad accogliere chi rappresenta, non solo simbolicamente per l’alta carica che ricopre, l’unita’ di questo nostro popolo italiano, il suo bisogno di coesione, di positivita’, di liberta’. Grande e’ il desiderio di raccontare al Presidente quello che in questi anni abbiamo costruito e mostrargli un popolo che desidera contribuire al bene comune, a partire da quello che e’, consapevole di rappresentare una risorsa umana per il Paese”. E anche il presidente della Fondazione per la Sussidiarietà Giorgio Vittadini, l’on.Maurizio Lupi e il vicesegretario del Partito Democratico Enrico Letta.

Inoltre al Meeting anche un’iniziativa originale di un personaggio non altrettanto considerando la sua posizione . “Corri da Formigoni.it: costruisci l’Italia che sogni”. La scritta campeggia sulle t-shirt firmate Roberto Formigoni. E’ l’ultima trovata del presidente della Regione Lombardia che si autopromuove in vista del Meeting di Rimini, dove distribuirà le magliette “straordinarie”, tutte rigorosamente taglia XL e autografate. L’iniziativa “pensata questa volta per il Paese”- a suo dire – è stata lanciata in Rete con questo video. E il governatore già chiama i fan a raccolta: “giovedì 25 agosto alle ore 15 sarò presente allo stand di Formigoni.it: assieme festeggeremo il primo compleanno della Rete per Formigoni presidente”. Non solo magliette ma anche braccialetti e quant’altro.

Insomma il Meeting di Rimini è alle porte (apertura il 21 agosto) e la macchina organizzativa si è già messa in moto: oltre 600 persone, medici e ingegneri, impiegati e liberi professionisti, padri, madri, nonni e nonne, studenti universitari, tutti rigorosamente volontari, sono pronte a fare il loro ingresso alla Fiera per lavorare alla realizzazione dell’evento che, da oltre trent’anni, segna l’ultimo scorcio dell’estate italiana. In arrivo in Romagna 200 volontari ma sono in tutto 640 le persone che lavoreranno dietro le quinte: 433 ragazzi universitari e 207 adulti.

Per la prima volta al Meeting il tango argentino e lo show di una delle piu’ celebri formazioni del folk mondiale, i Chieftains.

La seconda giornata del Meeting proporra’ per lunedi’ 22 un testo dimenticato di uno dei piu’ grandi scrittori europei, Gilbert Keith Chesterton. Si tratta de ‘La Ballata del cavallo bianco’, poema datato 1911, che prosegue l’ambizione della manifestazione riminese di essere luogo di grandi riscoperte e riletture stimolanti per ogni autentica ricerca culturale.

Dal grande vecchio inglese ad un giovane coreano: la giornata di lunedi’, intensissima, vedra’ anche il concerto di Kim Dong Kyu, pianista di origine orientale, trapiantato in Germania, fresco vincitore del concorso pianistico internazionale di San Marino, considerato uno dei piu’ completi interpreti contemporanei di Shumann, Liszt e Stravinskij. A chiudere il programma di lunedi’ sara’ un concerto dedicato ai piu’ giovani: andranno in scena infatti gli Zero Assoluto, all’anagrafe Thomas De Gasperi e Matteo Maffucci, con il loro pop italico elegante e contagioso, forte di canzoni di successo come ‘Svegliarsi la mattina’, ‘Cos’e’ normale’ e ‘Appena prima di partire’. Lirica, letteratura e tango, saranno i protagonisti della giornata di martedi’ 23. Per la grande platea dei melomani e degli appassionati di lirica, si esibira’ infatti l’orchestra del Teatro Regio di Parma, che interpretera’ alcune tra le piu’ celebri arie della tradizione operistica mondiale, da Verdi a Donizetti, da Rossini a Mascagni. Il titolo della serata sara’ tratto da L’elisir d’amore di Gaetano Donizetti: ”Che piu’ cercando io vo?”.

Figlio meno nobile delle muse musicali, il tango non e’ pero’ linguaggio meno ricco di emozioni, come hanno insegnato Astor Piazzolla e Gardel: sara’ l’autrice e ballerina bolognese Carlotta Santandrea a portare al Meeting le profonde magie di questa forma d’arte argentina, che miscela canzone hispanica e ritmi latino-americani, in un melange di romanticismo e passione a cui si sfugge a fatica. Nel pomeriggio della stessa giornata Andrea Soffiantini e Paola Scaglione proporranno “Scolpire le parole”, un omaggio teatrale a Eugenio Corti, scrittore lombardo autore di “I piu’ non ritornano” e soprattutto de “Il cavallo rosso”, in uno spettacolo in cui parola e origini della terra e della gente italiana si intrecceranno con i fatti storici del XX secolo.

Saranno le storie e le musiche degli irlandesi Chieftains a fare da evento clou della giornata di mercoledi’ 24 agosto. La formazione guidata da Paddy Moloney e’ una delle autentiche istituzioni della musica internazionale, longeva quanto i Rolling Stones, capace di passare con noncuranza da una serata di gighe e salterelli alla collaborazione con gli U2. La partecipazione dei Chieftains al Meeting avverra’ pero’ con un format particolare: sul palco con loro, infatti, ci sara’ una compagnia di ballerini irlandesi, che completeranno la possibilita’ per gli spettatori di immergersi completamente nei suoni e nei ritmi tradizionali della terra di San Patrizio.

Sempre mercoledi’ un altro appuntamento internazionale: Andrea Maria Carabelli portera’ in scena “Job o la tortura da parte degli amici”, testo dello scrittore e filosofo francese Fabrice Hadjadj, votato ad una attualizzazione del personaggio biblico di Giobbe. La vocazione del Meeting di ricerca di talenti che sappiano cinematograficamente raccontare la realta’, si conferma anche quest’anno con il Gala’ di premiazione del Meeting Rimini Film Festival, che sempre nella giornata di mercoledi’ 24 giunge alla sua quarta edizione.

Gemellato con il festival Encuentro di Madrid, il Film Festival vede quest’anno la presidenza di uno dei piu’ importanti registi della cinematografia mondiale, Krzysztof Zanussi. Il Festival, che ha raccolto oltre cento cortometraggi da autori di sessanta nazioni, non sara’ l’unico appuntamento per gli appassionati di cinema, che durante la settimana potranno anche vedere (o rivedere) due titoli di grande efficacia artistica: Welcome di Philippe Lionert (22 agosto) e Uomini di Dio di Xavier Beauvois (23 agosto).

La serata di giovedi’ 25 agosto vedra’ in scena uno dei cantautori piu’ sensibili e colti delle ultime generazioni musicali italiane, Nicolo’ Fabi. Il cantautore romano, stupendo autore e interprete di dischi fondamentali come “Il giardiniere” e “Novo Mesto”, e’ un nome nuovo per la manifestazione riminese, ma portera’ al Meeting un gusto per la canzone ricco di umanita’, colto e accurato nella sua scrittura musicale, profondo e vero nei racconti di ricerca e di speranza.

Sul palco del Meeting anche i riccionesi Controtempo (22 agosto), della Piedmont Brothers Band (che portera’ il loro ultimo lavoro ‘Lights of your party’ il 23 agosto), di Cesare Aresi (il suo ultimo lavoro e’ ‘Le cose della vita’; 24 agosto); dal canto suo Riro Maniscalco, cantautore italo-newyorkese ben noto al pubblico del Meeting, presentera’ i blues del recente ‘Sketches of You’ (25 agosto). Quest’anno il sipario degli spettacoli del Meeting si chiudera’ con il teatro e un interprete del tutto particolare: sara’ Paolo Cevoli, il comico di Riccione divenuto celebre per le sue partecipazioni a Zelig, a dare voce, sorriso e comicita’ alla serata finale (26 agosto). Cevoli portera’ sul palco il suo spettacolo piu’ recente La ‘Penultima Cena’ controstoria della ”piu’ importante cena della storia dell’umanita”’. Cevoli si racconta sotto le mentite spoglie del ristoratore romano Publius Simplicius Marone.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *