Whirlpool nella top ten 2011 delle migliori aziende per i leader

//   7 dicembre 2011   // 0 Commenti

whirlpool

Nona nel mondo, sesta nel Nord America: Whirlpool guadagna posizioni nella classifica “Top Companies for leaders” per il 2011 stilata dalla rivista Fortune. Nel 2009, infatti, la corporation figurava al quindicesimo posto nel mondo e nona nel Nord America. Un riconoscimento che a Whirlpool è arrivato al termine di un anno di celebrazioni, quello per il secolo di vita della corporation, compiuto l’11 novembre 2011. «Da sempre le persone sono il vero patrimonio di Whirlpool , la chiave di 100 anni di successi -commenta Adriano Mureddu, vice presidente Risorse Umane di Whirlpool EMEA-. Whirlpool è convinta che i leader facciano la differenza, perché la leadership, per noi, significa far propri valori e impegno al punto da tradurli in prassi quotidiana. In Whirlpool ognuno, nel proprio ruolo, è stimolato a essere un leader e a portare avanti il nostro business con coerenza».

“Top companies for leaders” è l’indagine più completa condotta ogni due anni in tema di leadership aziendale da Aon Hewitt, una delle principali società di consulenza direzionale nell’ambito delle risorse umane a livello globale. I vincitori sono selezionati e classificati da una giuria indipendente sulla base di criteri fra i quali l’efficacia delle pratiche e la cultura della leadership, esempi di crescita professionale dei leader su scala globale, allineamento di business e strategia di leadership, performance nel business e reputazione aziendale. La Aon Hewitt, passando in esame le 470 top companies for leaders nel mondo, ha identificato le peculiarità che le distinguono. Le top companies fanno dell’investimento sulla leadership una priorità strategica, valutano la riuscita dei propri programmi di sviluppo della leadership e sono impegnate a coltivare la prossima generazione di leader in azienda. «In Whirlpool -dichiara Mureddu- l’impegno per lo sviluppo della leadership e la valorizzazione dei talenti resta una costante, indipendentemente dai cambiamenti dello scenario economico».


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *