“Waiting for…Pulzella d’Orléans”, Milano premia i giovani talenti – VIII edizione

//   5 dicembre 2015   // 0 Commenti

Lucrezia Dandolo Marchesi, pianista

Francesca Parvizyar ideatrice Premio 225x300

Francesca Parvizyar, ideatrice Premio

Waiting for…, premio ideato da Francesca Parvizyar, quest’anno è giunto all’VIII edizione e come di consueto anticipa la prima scaligera con un grande evento dedicato all’opera che inaugura la stagione della Scala. Il Premio dedicato all’arte, musica e cultura a sostegno dei giovani talenti “Waiting for….Pulzella d’Orléans” è stato presentato il 2 dicembre scorso presso le Gallerie d’Italia a Milano dove attualmente è in corso la mostra dedicata al massimo pittore esponente del Romanticismo, Francesco Hayez (1791-1882).

Arianna Giunti giornalista 140x300

Arianna Giunti, giornalista

“Giovanna d’Arco”, settima opera di Giuseppe Verdi andata in scena per la prima volta proprio a La Scala il 15 febbraio 1854 e mai più replicata, sarà diretta da Riccardo Chailly che ha presentato per gli Amici della Scala alla “Prima delle prime” il 30 novembre scorso: (Riccardo Chailly per “Prima delle prime” alla Scala: “Giovanna d’Arco” di Giuseppe Verdi: http://www.mondoliberonline.it/riccardo-chailly-per-prima-delle-prime-alla-scala-giovanna-darco-di-giuseppe-verdi/59328/ )

Waiting for…Pulzella d’Orléans è un omaggio alla giovane eroina francese (1412-1431). Francesca Parvizyar, che ha un passato da cantante lirica e ha portato dall’Ungheria in Italia l’innovativo pianoforte Boganyi, presentato a Palazzo Cusani il 30 aprile scorso a due giorni dall’inizio dell’Expo 2015 (clicca su “Dall’Ungheria, l’eredità di Liszt”: il pianoforte Boganyi: http://www.mondoliberonline.it/dallungheria-leredita-di-liszt-il-pianoforte-boganyi/52680/) ha commentato : “Giovanna d’Arco è una figura di grande attualità. Una donna che, mossa dall’Amore, dalla Fede e dal Coraggio combatte per ciò in cui crede”.

Isabella Cambini giovane arpista 225x300

Isabella Cambini, giovane arpista

All’evento, presentato dalla giornalista Arianna Giunti, sono state premiate due giovani che maggiormente si sono distinte nel mondo dell’arte e della musica nel 2015:  Lucrezia Dandolo Marchesi, diciottenne pianista diplomata al Conservatorio Verdi di Milano, nipote di Gualtiero Marchesi, il mito della cucina italiana nel mondo e la voce di Francesca Paola Geretto, 25enne, soprano lirico con diploma al Conservatorio di Vicenza. Entrambe proseguiranno negli studi grazie alla borsa di studio di Waiting for onlus. Lucrezia Dandolo Marchesi ha eseguito la “Rapsodia n.12” di Listz e Francesca Paola Geretto, accompagnata dal maestro Vincenzo Taramelli, ha cantato “Canzone del salice e Ave Maria dall’Otello” e “Addio del passato da Traviata” di G.Verdi.

Cucina del Marchesino ristorante 300x251

Cucina del ristorante "Marchesino"

La serata ha visto anche l’esibizione di Isabella Cambini, promessa dell’arpa con all’attivo concerti al Palazzo dell’UNESCO e all’Ambasciata Italiana a Parigi, con “Scherzetto” di J.Ibert e “Impromptu caprice” di G.Pierné; Oscar Pozzana ha presentato una messa in scena tratta dallo spettacolo di danza e parola “La Pianura delle Donne” (da un’idea di Sonia Usurini.  Regia e drammaturgia di Liliana Marchesi. Coreografie di Sonia Usurini. Ballerina Elisabetta Grazioli)

Masha Sirago autore articolo e Gualtiero Marchesi 225x300

Masha Sirago, autore articolo e Gualtiero Marchesi

Sono intervenuti: Daniele Nahum, Responsabile Cultura PD Milano e Provincia; Paolo Branca dell’arcidiocesi di Milano – responsabile per il dialogo interreligioso; Abd al-Sabur Gianenrico Turrini – Direttore Generale CO.RE.IS. – Comunità Religiosa Islamica Italiana;  Vittorio Robiati Bendaud, coordinatore del Tribunale Rabbinico Centro Nord Italia. “Soprattutto quest’anno, alla luce di eventi terribili che vorrebbero sconvolgere le nostre vite, Waiting for … vuole lasciare un messaggio di amore, di pace. Saranno quindi i rappresentanti delle tre religioni monoteiste a salutarci con un pensiero di speranza per il futuro tratto dai tre Testi Sacri”, ha concluso Francesca Parvizyar.

Il premio “Wating for…” sarà il prossimo 2 giugno 2016 a Chicago, città gemellata con Milano, in occasione della Festa della Repubblica Italiana, per replicare la manifestazione milanese e, quindi, premiare i migliori artisti giovani americani.

Pierre Prandini GP JewelsFurs 225x300

Pierre Prandini, GP Jewels&Furs

L’evento “Waiting for…” è stato realizzato grazie al sostegno di sponsor privati: la Fondazione Gualtiero Marchesi e Marchesi, sensibili all’insegnamento del buono e alla cura del bello attraverso il gusto; Accademia Musicale Amadeus, nata dal desiderio di trasmettere ai giovani un’eredità culturale altamente formativa, attraverso la musica; GP Jewels&Furs – Pierre Prandini, creatore di gioielli esclusivi e pellicce pregiatissime e coordinatore della parte moda della serata; la casa di moda asiatica, JAAʼ STUDIO era presente con 3 brand che si contraddistinguevano per un approccio Tri-Orientalism: la coreana Juhree Erba,  designer di accessori in pelle che ha maturato esperienza in Furla; la taiwanese Athena Chuang che nei suoi abiti da donna coniuga la tradizione estetica cinese a linee

cocktail al Marchesino 300x225

cocktail al Marchesino

moderne; AKI NAGAI giapponese stilista di gilet in cui tecniche tradizionali si fondono con  un design moderno; ; Avion Company, realtà internazionale di trasporti aerei e marittimi e spedizioni merci; Ferrari, etichetta vinicola e brand ambasciatore dell’arte di vivere italiana; Fondazione Bel Canto, che promuove l’opera lirica italiana in America organizzando concorsi e assegnando borse di studio. La pittrice neogeometrica e neofigurativa Ribana  Szutor ha esposto la sua opera-omaggio “FemmFoi” dedicata a Giovanna d’Arco. Presenti alla premiazione anche Edit Szekely, direttrice programma ungherese per l’Expo 2015. La serata evento è proseguita con un light cocktail proposto da Gualtiero Marchesi presso il suo “Marchesino” a fianco del Teatro alla Scala, con risotto alla milanese e delicatissimo panettone, bollicine Ferrari.

Per chi volesse conoscere i registi cinematografici che si sono ispirati alla Pulzella d’Orléans, vi è a Milano una rassegna cinematografica attualmente in corso allo Spazio Oberdan, La “Giovanna d’Arco” cinematografica in rassegna allo Spazio Oberdan a Milano, clicca su http://www.mondoliberonline.it/la-giovanna-darco-cinematografica-in-rassegna-allo-spazio-oberdan-a-milano/59290/. Proposta a Milano anche una “Maratona scaligera” alla Triennalehttp://www.mondoliberonline.it/maratona-scaligera-alla-triennale-a-milano/59449/

RIPRODUZIONE RISERVATA, Testo e foto © copyright Masha Sirago(ReportersAssociati&Archivi, mashasirago@gmail.com - www.mashasirago.com)

 

 

 

 


Tags:

Amici della Scala

Chicago

Daniele Nahum

Gallerie d'Italia

Giovanna d'Arco

Giovanna d'Arco di Giuseppe Verdi

Giuseppe Verdi

Gualtiero Marchesini

Hayez

Lucrezia Dandolo Marchesi

Masha Sirago

milano

Pierre Prandini

Prima della prime

Riccardo Chailly

ristorante Marchesino

Scala

Teatro alla Scala

Waiting for...Pulzella d'Orléans


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *