E’ in arrivo la più piccola delle Volkswagen

//   12 agosto 2011   // 1 Commento

volkswagen up!

Nemmeno Cenerentola si è fatta attendere così tanto. Al prossimo Salone di Francoforte (15- 25 settembre) vedremo se è valsa la pena aspettare la nuova citycar della Volskwagen che, dall’alto (eufemismo) dei suoi 3,5 metri di lunghezza, è una vera e propria minicar. Di cui ancora non si conosce il nome definitivo: Up! o Lupo? Lo scopriremo tra un mese nella città tedesca, perché il marchio delle auto del popolo ha voluto giocare ‘in casa’ questa importante partita. Volkswagen Up!, infatti, dovrà sostituire sul mercato Fox e diventerà la superutilitaria di riferimento del marchio.

Un attesa lunga 4 anni

Come anticipato, di questa citycar si parla dal 2007, quando il progetto nacque su un’architettura a motore e trazione posteriore, in grado di lasciare spazio nell’abitacolo per 4 passeggeri nonostante la lunghezza di 3.340 mm del corpo vettura. Rispetto al concept elaborato da Walter de Silva, la casa tedesca è tornata sui suoi passi, propendendo per una classica disposizione in avanti (motore incluso) che ha influito sulla lunghezza, ora vicina ai 3,5 metri, che fa comunque di Up! l’auto del popolo decisamente più piccola. Ecco dunque il risultato finale, ammirabile nel teaser di presentazione della Volkswagen.
volkswagen e up  300x199

Già in cantiere la versione elettrica

In attesa di scoprire se ci sarà spazio per un quattro cilindri e un bicilindrico, la gamma di motorizzazioni comprende per ora 3 propulsori a 3 cilindri a benzina e a gasolio.
Ma in cantiere c’è una versione ‘totally green’, una Volkswagen E-Up! interamente elettrica, già anticipata dal prototipo immortalato nell’immagine qui a fianco. La scelta tecnica di Wolfsburg potrebbe sfuttare in questo campo le sinergie con il proprio marchio premium, Audi, che proprio a Francoforte presenta la Urban Concept, come anticipazione della E1 e-tron (vettura completamente elettrica per la città).


Articoli simili:

1 COMMENT

  1. Pingback: Salone dell'Auto di Francoforte 2011: le novità e i biglietti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *