Vacanza ad Andalo? Provate le vie ferrate della Paganella!

//   5 febbraio 2018   // 0 Commenti

andalo

La Paganella, che con i suoi 2125 metri domina Trento dall’alto, è una delle vette più conosciute del gruppo delle Dolomiti di Brenta. Grande merito va all’omonima skiarea, che si trova nelle vicinanze di diverse località turistiche, tra cui dobbiamo necessariamente citare Andalo. Il piccolo comune trentino, dalla seconda metà del XX secolo in poi, ha infatti conosciuto un notevole sviluppo legato proprio alla bellezza delle sue montagne, che offrono piste da sci, percorsi di trekking ma anche, ed è l’oggetto di questo breve articolo, vie ferrate emozionanti e adrenaliniche.

Per i profani, stiamo parlando di quell’insieme di strutture e attrezzature che, realizzate artificialmente su una parete di roccia, permettono di scalarla in tutta sicurezza, grazie a una serie di ausili – come imbragature, dissipatori, corde e moschettoni – che riescono, in qualche modo, a supplire alla mancata conoscenza delle tecniche di arrampicata in cordata o a corpo libero. Questo, chiaramente, non significa che sia un’attività da prendere alla leggera: sarà infatti fondamentale, per i neofiti, affidarsi alle guide alpine.

Quelle di Andalo (o per essere più precisi, quelle delle Dolomiti di Brenta Paganella) conoscono perfettamente le montagne della zona; inoltre, vi potranno formare sulle competenze di base riuscendo così ad accompagnarvi in un’ascensione che sarà divertente e, soprattutto, sicura. A questo scopo, prima di avventurarsi in queste escursioni consigliamo sempre di consultare il meteo, per scongiurare la possibilità di imbattersi in un temporale – le strutture metalliche, infatti, non vanno molto d’accordo con i fulmini.

La difficoltà di una via ferrata dipende da vari fattori, come la verticalità della parete e la quantità di appigli (che ovviamente possono essere, oltre che artificiali, anche naturali). Sulle Dolomiti di Brenta è possibile, ad esempio, intraprendere la “Osvaldo Orsi – Pradél”, che interessa l’intero gruppo ed è adatta agli escursionisti intermedi, oppure la “Felice Spellini”, che collega il versante di Molveno alla Via delle Bocchette Centrali e a quelle Alte, presentando alcuni passaggi abbastanza atletici.

In ogni caso, le sensazioni che si provano durante la salita sono impossibili da descrivere a parole: se avete prenotato un hotel a Andalo con Expedia, fate un pensiero sull’opportunità di intraprendere questa nuova esperienza. Fidatevi, ne varrà la pena!


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *