Una scomoda formalità?

//   30 agosto 2012   // 0 Commenti

Mickael Ciani e Alvaro Pereira

Saranno soltanto due, le squadre italiane (Juventus e Milan) che parteciperanno alla Champions League 2012-2013: non succedeva dal 1998! Per il secondo anno consecutivo, infatti, l’Udinese è uscita sconfitta dall’ultima fase preliminare. Se l’anno scorso il sorteggio sembrava già condannarla in partenza (e di fatti l’Arsenal vinse sia all’andata che al ritorno), quest’anno i friulani si sono “inguaiati” con le loro stesse mani: lo Sporting Braga non è certo l’Arsenal, seppure vesta un’identica casacca e sia persino soprannominato  “l’Arsenal di Minho“…tuttavia bisogna essere onesti: nell’arco dei 210 minuti di gioco (inclusi i supplementari e la gara di andata) sono stati i lusitani a meritare il “passaggio”: non che abbiano fatto vedere un calcio spumeggiante, anzi…non avranno certo vita facile nel girone di Champions, ma d’altronde non ne avrebbe avuta nemmeno l’Udinese!

UDINESE – BRAGA 5-6 (dopo i calci di rigore)

Una eliminazione meritata, questo il mio parere. E’ vero, l’Udinese ha sfiorato, sia all’andata che al ritorno, il raddoppio…ma è altrettanto vero che nelle 3 partite disputate in questa settimana (Braga-Fiorentina-Braga) è sempre passata in vantaggio e non ha mai vinto! Mentre i media infieriscono sul “cucchiaino” di Maicosuel (unico errore friulano dagli 11 metri), io trovo più giusto criticare il vero responsabile di questa duplice sconfitta; duplice non solo perchè è il secondo anno consecutivo che accade, ma perchè sopraggiunge nel peggiore dei modi: dopo un inutile mezz’ora di supplementari è la lotteria dei calci di rigore a premiare i portoghesi…proprio sotto gli occhi bagnati di migliaia e migliaia di tifosi friulani.

Forse sbaglierò, ma vedo i preliminari di Champions più come l’epilogo della passata stagione che come l’inizio di quella nuova…mi spiego meglio: se l’Udinese è arrivata 3° in classifica l’anno scorso è perchè aveva in squadra determinati giocatori; se poi questi giocatori vengono venduti in massa in estate…che cosa rimane della 3° squadra più forte della Serie A? Come si fa a smantellare un’ottima squadra dinnanzi alla vigilia di un appuntamento così importante sia dal punto di vista storico che economico (senza aggiungere il capitolo “Ranking“, comunque importantissimo per il futuro delle “italiane” in Europa)? Siamo d’accordo: l’Udinese ha meritato per 2 anni consecutivi di giocarsi il preliminare di Champions League, ma poi giunta la fatidica ora ha soltanto rimediato figuracce…non sarebbe stato meglio portare una squadra più competitiva al cospetto della “coppa dalle grandi orecchie”? La Juventus settima due anni fa, l’Inter 5° quest’anno e persino la Lazio (per 2 volte dietro l’Udinese di un soffio) avrebbero fatto certamente di meglio, visto che non hanno venduto i “pezzi pregiati” al miglior offerente. D’altra parte io l’avevo detto: il calcio non è un industria! Se è vero, come è vero, che il presidente dell’Udinese ha incassato 80 milioni di € in 2 anni dalle “care” cessioni…beh, che almeno non faccia finta di essere sorpreso o dispiaciuto!

Stasera si attendono invece la Lazio e l’Inter che, entrambe nei “propri” stadi, dovranno archiviare la “noiosa” pratica chiamata Preliminare di Europa League. Dopo aver ottenuto in trasferta, rispettivamente contro il Mura ed il Vaslui, due vittorie con lo stesso punteggio (0-2), le gare di oggi appaiono, almeno sulla carta, come “scomode formalità” che potrebbero togliere, alle due formazioni italiane, energie fondamentali in vista della 2° giornata di campionato, prevista già per il week-end immediatamente successivo.

20:45 INTER – VASLUI

Se solo si potesse, l’Inter non scenderebbe nemmeno in campo stasera… Sarà dura per il giovane Stramaccioni riuscire a tenere alta la concentrazione, in uno spogliatoio che non gli dà certo del Lei (con Cassano sembrano 2 liceali, mentre capitan Zanetti è persino più “grande” di lui…). Come spiegare l’importanza di un match, per tutti già in cassaforte, alla vigilia di una delle partite più importanti delle recenti stagioni di Serie A? Vaslui…ci và lui! Avranno pensato i vari Milito, Sneijder e Cambiasso…domenica al Meazza è attesa la Roma! Inutile dire dell’importanza che per Cassano può avere questa ennesima sfida alla sua ex-squadra, inutile ricordare gli anni in cui Inter e Roma parevano il Barcellona ed il Real Madrid d’Italia, inutile persino ripetere l’errore commesso anni fa quando “regalarono” un tale Destro che, proprio a Milano, esordirà con la maglia giallo-rossa…Vediamo un pò di quote: la vittoria interna della compagine meneghina è offerta alla ridicola quotazione di 1.16; il pareggio paga 1:6 mentre il “2″ ha fatto 13! Inter già qualificata? E’ vero, vincere fuori casa per 0-2 è il miglior biglietto da visita…eppure non mi fido! Nel turno precedente l’Inter travolse per 0-3 l’ Haijduk Split in terra croata, il ritorno appariva, come oggi, una “mera formalità”…eppure la città di Spalato ha persino creduto nell’impresa, davvero sfiorata (il ritorno al Meazza finì infatti 0-2 per l’Haijduk!!!). Chi la tifa lo sa già…”pazza Inter amala“: dovrebbero bandire questa canzoncina e procurare meno pericoli di attacchi cardiaci al loro sofferente pubblico! D’altra parte il Vaslui non fa certo paura, ma è risaputo: chi non ha niente da perdere…vince in qualsiasi caso! Il campo potrà (e di certo lo farà) smentirmi, ma stasera non mi gioco la vittoria nerazzurra…secondo me la loro testa sarà già a proiettata sul “nemico pubblico” Zeman e sulla micidiale schiera di punte, mezze punte e presunte tali, che il boemo presenterà in quella “borsa di Mary Poppins” che è diventata la panchina delle squadre di Serie A…Per le sopracitate ragioni non concordo con i bookmakers, preferisco un inutile 1-1 (quota 12.50) o uno spumeggiante 2-2 (quota 31.00). Il nuovo acquisto Alvaro Pereira non sarà disponibile per il Vaslui, ma potrebbe già giocare domenica sera contro la Roma…

21:00 LAZIO – MURA

Partita da “parrocchia”, questo, almeno, quello che prevedono i bookmakers. Dopo l’agevole vittoria in quel di Mura, la Lazio affronterà la formazione slovena sotto gli occhi dell’attenta Olimpia e con gli ovvi favori del pronostico: se puntando 10€ sulla vittoria della formazione capitolina si guadagnerebbe (in caso di esito “1″) la miseria di 1.20€…con la stessa cifra scommessa sul segno “2″ se ne potrebbero vincere addirittura 145…sempre che il Mura (e non sembra proprio il caso) dovesse inaspettatamente espugnare lo stadio Olimpico di Roma…Ma perchè partita da parrocchia? Beh perchè se l’ipotesi più prevedibile è quella che vengano segnati 5 o più goal e per di più da una sola squadra…certo non dovremo attenderci un calcio spumeggiante; sarà più che altro l’ultima scampagnata estiva, più simile ad un’amichevole che ad una competizione europea… L’allenatore Petkovic, vincente all’esordio in Serie A contro l’Atalanta), non vuole abbassare però la tensione agonistica, sebbene si preveda comunque un “mini-turnover“. Se Dias verrà probabilmente sostituito da Scaloni, Ledesma dovrebbe essere riconfermato a causa del leggero infortunio di Cana; infine Klose potrebbe (aggiungerei dovrebbe) riposare in vista della gara di domenica (2 Settembre) contro il Palermo, dove probabilmente esordirà con la maglia numero 2 il nuovo acquisto della Lazio: Mickael Ciani che, con un pò troppa presunzione, ha dichiarato di volere divenire il nuovo “Thuram”… Vediamo ora un pò di quote: scommettere sul segno “1″ (quota 1.12)…non serve a nessuno, credo; possiamo dunque ipotizzare un pareggio, in vista di una probabile “rotazione” degli uomini di Petkovic? Le quote sono davvero alte e passano dai 18.00 dell’eventuale 1-1 fino ai 250.00 di un tennistico 4-4, passando per lo 0-0…mai visto a quota 20.00! Il Mura sembra squadra davvero poco competitiva, tuttavia le punte della Lazio (escluso il sempreverde “panzer”) non sembrano ancora aver trovato la condizione giusta, mancando di lucidità e freddezza sotto porta. E’ per questo che non mi fiderei a giocare risultati come il 3-0 (quota 6.00) e/o il 4-0 (quota 8.00), seppure siano questi i risultati più prevedibili secondo gli allibratori. Partita strana, a mio avviso potrebbe finire in qualunque modo, non mi sorprenderei nemmeno se la Lazio riuscisse nell’impresa di perdere! Difficile dare un pronostico senza sapere chi effettivamente scenderà in campo stasera: sarà la Lazio di Bergamo o quella delle riserve? A me piace la quota dell’under (massimo 2 goal in totale): in lavagna a 2.60!


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *