Cosentino, la Giunta dice sì all’arresto. Decisivo il voto della Lega

//   11 gennaio 2012   // 1 Commento

cosentino

Primo sì all’arresto di Nicola Cosentino. La Giunta per le Autorizzazioni della Camera ha approvato la richiesta di arresto avanzata dalla Procura di Napoli nei confronti del deputato campano del Pdl, accusato di concorso esterno in associazione camorristica (secondo l’impianto accusatorio il parlamentare sarebbe il referente politico del clan dei Casalesi), con un solo voto di scarto (11 a 10). Decisivo, come previsto, il voto della Lega. «Non mi ha imposto niente nessuno. Ho seguito la linea politica indicata all’unanimità ieri dalla segreteria federale della Lega», ha spiegato dopo il voto il deputato del Carroccio, Luca Paolini, inizialmente contrario all’arresto. «Non ha vinto la linea Maroni – ha voluto precisare – ma di tutta la segreteria». Paolini ha confermato ad ogni modo le sue «perplessità sull’impianto accusatorio» e la sua «propensione per il no all’arresto», aggiungendo che in Aula «il voto è individuale e segreto, quindi ciascun deputato della farà quello che ritiene opportuno». Duro il commento di Cicchitto, contrario all’arresto: “La Giunta – ha affermato – ha commesso un gravissimo errore che ci auguriamo venga corretto dal voto di Aula. Se qualcuno pensa che operazioni di questo tipo non peggiorino il quadro e i rapporti politici, sbaglia in modo profondo“. Di ben altro parere Laura Garavini, capogruppo Pd nella commissione parlamentare Antimafia: «Il primo via libera all’arresto di Nicola Cosentino è un atto di responsabilità che mi auguro troverà una conferma nel voto dell’aula. Le inchieste che hanno riguardato il coordinatore campano del Pdl devono trovare un esito nel lavoro autonomo della magistratura».

Dunque, la palla passa ora alla Camera, a cui spetterà il giudizio definitivo: si vota domani. Al di là delle singole dichiarazioni, è bene ricordare che, in questioni delicate come queste e soprattutto nei casi di “concorso esterno”, è bene pronunciarsi dopo che la giustizia ha fatto il suo corso, determinando se e dove c’è stato il reato. Storia docet.


Articoli simili:

1 COMMENT

  1. Pingback: La Camera blocca l’arresto di Cosentino

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *