Un sabato “genovese”

//   5 ottobre 2012   // 1 Commento

Genova città

Dopo il ricco palinsesto della “tre giorni” di Coppe, torna oggi, sabato 6 ottobre, il calcio italiano della Serie A. Ad inaugurare la 7° giornata di campionato saranno le due squadre di Genova, entrambe impegnate nei due anticipi di oggi: la Sampdoria giocherà a Verona alle 18:00, sul campo del Chievo, mentre il Genoa ospiterà al Marassi il Palermo dell’ex Gasperini (ore 20:45).

Inutile dire che i riflettori rimangono comunque puntati sulla prestigiosa domenica di calcio, non solo italiano: domani infatti, oltre al derby di Milano, si giocherà anche la partita più attesa della Liga spagnola, il “clasico“…Barcellona-Real Madrid; senza dimenticare un’altro big-match tra due delle quattro squadre italiane impegnate in Europa League: Napoli-Udinese.

Dopo questa doverosa introduzione, andiamo ad ipotizzare un pronostico per questo che potrebbe essere un sabato genovese…in tutti i sensi: non aspettatevi troppe emozioni, dai “tirchi” per antonomasia…

CHIEVO-SAMPDORIA (ore 18:00):

Strani precedenti tra queste due squadre, prima che la Sampdoria retrocedesse: nella stagione 2010-2011 sia l’andata che il ritorno sono finiti tra gli sbadigli (0-0); l’anno prima la Sampdoria aveva vinto sia in casa che a Verona con lo stesso risultato (2-1); infine nel campionato 2008-2009 le due squadre hanno pareggiato per 1-1…sia all’andata che al ritorno! In conclusione: non so quale sarà il risultato di oggi pomeriggio…ma so di certo che proveremo a ri-giocarlo anche nel ritorno! Già da questi brevi stralci di almanacchi, avrete capito come il Chievo non batte la Sampdoria da diverse partite: l’ultima vittoria clivense risale infatti all’ 1-2 con cui si impose a Genova nel 2005, da allora ha incontrato i blucerchiati ben 11 volte…senza mai vincere. L’ultima vittoria a Verona risale addirittura alla Serie B del 2000: il 3-2 di 12 anni fa sarebbe oggi quotato 36:1! Questo è il passato, veniamo ora al presente…

Il Chievo è reduce da ben 5 sconfitte consecutive, ottenute in sole 6 giornate di campionato: i miseri 3 punti in classifica hanno di fatto condannato Domenico Di Carlo, al suo posto da 4 giorni c’è Eugenio Corini, alla prima panchina in Serie A. L’ex c.t. di Crotone, Portogruaro e Frosinone (nonchè ex giocatore del Chievo dal ’98 al 2003) troverà però una rosa striminzita, a causa delle contemporanee assenze del capitano Pellissier, del veterano Luciano e del giovane Paloschi. Di Michele e Moscardelli potrebbero dunque comporre il loro tandem offensivo, con Therau probabile trequartista.

La Sampdoria, invece, ha ottenuto ben 11 punti in 6 gare: se il campionato si chiudesse oggi sarebbe addirittura qualificata in Europa League, nonostante il punto di penalizzazione. Dopo aver sorprendentemente vinto le prime 3 partite di campionato (oltre al Trofeo Gamper contro il Barcellona!), la squadra neopromossa dalla Serie B ha però smesso di trionfare: da allora, infatti, un pareggio poco meritato a Roma, un pareggio in rimonta al Torino e la prima (forse immeritata) sconfitta stagionale, 0-1 in casa contro il Napoli. Se da questi dati si potrebberero scorgere segni di involuzione, bisogna tuttavia ammettere che le assenze di Maxi Lopez e Maresca, entrambi disponibili oggi pomeriggio, hanno condizionato in modo determinante le prestazioni dei doriani. Se questi due ritorni rappresentano senza dubbio un valore aggiunto, Ciro Ferrara dovrà però fare i conti con altre, importanti, assenze: Gastaldello, il capitano, è stato infatti espulso nell’ultima partita ed è per questo squalificato; inoltre sia Eder che Pozzi sono infortunati e non compaiono neanche nella lista dei convocati.

Un match con pochi goal, ecco cosa mi aspetto oggi pomeriggio. Il Chievo avrebbe un disperato bisogno di vincere, ma potrebbe anche accontentarsi di tornare a far punti. La Sampdoria sembra sulla carta la squadra più in forma, ma il fattore campo non sarà certo dalla sua. Quindi, per concludere, se la quota dell’under (1.55) non vi entusiasma…potreste pensare al pareggio, quotato a 3.10. Nelgli ultimi 20 precedenti tra Chievo e Sampdoria, infatti, il pareggio è avvenuto nel 50% dei casi: 3 volte per 0-0 (oggi a quota 7) e ben 7 volte per 1-1 (oggi quotato a meno di 6)…allora perchè non fare “copia e incolla”?!

 

GENOA-PALERMO (ore 20:45):

Il posticipo del sabato sera sembra poter regalare più emozioni rispetto a quello pomeridiano, anche se è nullo in confronto a quello della settimana scorsa (Juventus-Roma 4-1). L’anno scorso a Genoa il Palermo confermò la sua tradizione negativa: perse infatti 2-0, con i goal di due ormai ex-genoani, Sculli e Gilardino. Fu questa la “vendetta” rossoblu per lo smacco subito a Palermo nell’andata di pochi mesi precedente: al Barbera si videro ben 8 goal, con i rosanero vittoriosi per 5-3 (oggi a quota 500!). Nelle ultime 8 trasferte (di cui 3 in Serie B) contro il Genoa, la squadra siciliana non ha mai vinto: 4 pareggi ed altrettanti successi casalinghi, di cui ben tre per 1-0. Tra i pareggi più scoppiettanti ricordiamo invece il 2-2 di tre stagioni fa ed il rocambolesco 3-3 del 2007 (oggi a quota 50).

Il Genoa è a metà classifica, con 8 punti in 6 giornate. Dopo aver vinto all’esordio contro il Cagliari (2-0), è incappato in due sconfitte ed altrettante rimonte: da allora, però, non ha più perso, ottenendo una mini-striscia di 3 risultati positivi di seguito (tra cui lo o-1 dell’Olimpico). Nonostante ciò,  il gioco del Genoa non ha entusiasmato troppo, nell’ultima settimana: il pareggio in casa contro il Parma è sopraggiunto solo sul finale e su calcio di rigore, mentre ad Udine era difficile anche solo accorgersi che il Genoa stesse giocando a calcio (0-0). Immobile e Borriello dovrebbero essere nuovamente schierati titolari, sperando che siano veramente loro…e non le ombre del Friuli!

Il Palermo ha finalmente vinto la sua prima partita stagionale: il 4-1 con cui Miccoli ha preso a sberle il Chievo ha finalmente riportato la pace, sulla panchina della discordia. Gasperini, grande ex-allenatore del Genoa, è riuscito ad allungare il suo “lavoro a progetto” grazie alla tattica più semplice di tutte: “palla al capitano”…altro che difesa a tre! I tre punti del Barbera riportano i rosanero nella bagarre della zona calda, ma la difesa continua a scricchiolare pericolosamente: i difensori, non certo fenomeni, del Palermo hanno infatti concesso il goal agli avversari in tutte le 6 partite sin qui disputate, l’ultimo addirittura direttamente dal calcio d’angolo…roba che nemmeno in parrocchia se ne vedono più! Inutile menzionare i dieci, mediocri, comprimari, basterà fare un nome: Miccoli…e il Palermo s’infiamma!

Pronostico non facile, neanche per i bookmakers: la quota 2.10 per la vittoria genoana (segno “1″), è di quelle che “puzzano”. Difficile anche ipotizzare un Palermo-bis: quota 3.50 per la vittoria dei rosanero in trasferta, che nella scorsa stagione giunse solo nel girone di ritorno! Quindi un altro pareggio? La quota è decente (3.30), ma preferisco l’ipotesi di vedere almeno un goal per parte (quota 1.70). Il Palermo non ne farà certo altre quattro…ma due reti potrebbe sempre segnarle: provo quindi con il 2-2 (quota 13) e con l’ 1-2 (a quota 12).

Dopo il sabato genovese ricordatevi di andare a messa la domenica mattina…e poi allo stadio la sera, per il “derby della Madonnina“!


Articoli simili:

1 COMMENT

  1. By Maria Teresa, 19 luglio 2019

    Complimenti alla Lazio che seguo con passione e grazie ad Apicella che leggo con interesse perche’
    ci informa su quasi tutto il calcio in maniera non pallosa, mi scuso per il gioco di parole.

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *