Un invito a pranzo open air

//   2 aprile 2012   // 0 Commenti

picnic 300x225Il più classico pranzo all’aria aperta, che possa essere sull’erba, su una spiaggia o sull’aia della nonna, è il “pic-nic”. Qui in Italia non è molto in uso come invece lo è in Inghilterra, dove infatti si possono trovare dei cesti attrezzati veramente belli e particolari. Allora perché non approfittare di questa idea e provare ad allestire per i bimbi, o per l’innamorato/a, o per gli amici, un buffet che meriti? L’intento di riscoprire questa antica tradizione è l’aggregazione che si ottiene tra la socializzazione e il piacere del contatto con la natura. Io fin da piccola pratico il pic-nic ad iniziare dal giorno dell’Angelo, cioè per Pasquetta, considerato da tempo un giorno di “scampagnata”. Vi propongo delle ricette così facili, veloci e leggere che vi sarà gradita anche la loro preparazione. Ricordiamo che il significato etimologico della parola pic-nic deriva dal francese “piquenique”, piquer rubacchiare, nique cosa da nulla, quindi si evince che questi pasti devono essere adatti solo a “spilluzzicare” qualcosa!

-Aperitivo: un cin cin del tutto naturale con il succo di mirtillo e rosa canina, o succo di mela (si trova in erboristeria), allungato con acqua e guarnito con una fetta di limone non trattato e qualche fogliolina di menta. Servire con delle “crudités” (carote, sedano, finocchio, ravanelli).
-Stuzzichini al prosciutto: 4 porzioni. In una ciotola lavorare del formaggio magro cremoso con un battuto di basilico e erba cipollina. Distribuire il composto in 4 fette di prosciutto cotto magro e arrotolarle. Per i vegetariani sostituire le fette di prosciutto con delle strisce di melanzana grigliate.
-Riso aromatico: 4 porzioni. 300 g di riso integrale, 250 g di cipolla bianca tagliata finemente, 400 g di zucchine tagliate a rondelle, un ciuffo di basilico e altre erbette aromatiche, ½ bicchiere di brodo vegetale, 4 cucchiai di olio evo, sale, pepe, noce moscata q.b.. In padella far insaporire con l’olio (3 c.) e il brodo la cipolla, nonchè il trito di erbette per 10 m., aggiungere le zucchine e continuare la cottura, bagnando con del vino bianco; le zucchette devono rimanere croccanti. Versare poi il riso lessato e amalgamare bene il tutto. Aggiustare di sale, spolverare con pepe, noce moscata, unire il restante olio e servire con spicchietti di pomodorini pachino.
-Tortino di carciofi: 4 porzioni. 5 carciofi puliti tagliarli a fette sottili, infarinarli e farli saltare in padella con 3 cucchiai di olio. In una ciotola mettere 3 uova, sbatterle molto bene insieme a 4 cucchiai di acqua e un cucchiaio di parmigiano reggiano grattugiato, versare sui carciofi coprire e far cuocere per circa 10/15 m. a fiamma bassa fino a che il composto non si è solidificato. Prima della fine cottura spolverare con un trito di prezzemolo.
-Fragole golose: 4 porzioni. Pulire, lavare e tagliare a metà le fragole (500 g), Aggiungere del succo di limone e un cucchiaio di succo d’acero; sbriciolare grossolanamente degli amaretti (250 g) e unirli alle fragole. Profumare il tutto con 4 cucchiai di Vin Santo (aggiungere gli amaretti al momento di servire).

Rispettate l’ambiente e buon divertimento !

Giulia Zeroni – Consulente del benessere su misura
Economo Dietista – Dirigente di Comunità – Estetista
E-mail: giuliazeroni@virgilio.it
Sito web: www.giuliazeroni.it


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *