Un Fatto Umano. Caffè letterario a Prati

//   21 marzo 2012   // 0 Commenti

cid ii 1360e2586384859d 212x300L’appello a vivere e praticare giustizia e legalità per ripristinare le regole dello Stato democratico è la mission della presentazione del best-seller librario “Un fatto umano“ di Giffone Longo Parodi promossa dalla Fondazione Calabria Roma Europa.
L’evento, programmato nell’ambito delle conversazioni tematiche del ciclo dei “Caffè letterari”, avrà luogo a Roma sabato 31 marzo 2012 alle ore 17,30 presso la Maison di Via Caracciolo, 12 in Prati.
Introdotto dal Presidente della Fondazione Domenico Naccari moderato da Antonella Freno, Presidente della Commissione Nazionale Patrimonio Artistico, la conferenza di presentazione si avvarrà dei contributi dei Magistrati Caterina Chiaravalloti, Consigliere Giuridico Ministero Affari Esteri, Alberto Liguori, Componente il Consiglio Superiore della Magistratura, Otello Lupacchini Sostituto Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Roma e Componente la Commissione per l’applicazione delle speciali misure di protezione ai collaboratori di giustizia, Consigliere delle Commissioni Parlamentari d’inchiesta antimafia e Mitrokin.
Sarà Presente l’autore Manfredi Giffone.
L ‘iniziativa di presentazione del libro che si avvale del patrocinio della Fondazione Borsellino, nell’ambito del Progetto Legalità, e che fa ricorso alla fumettistica per narrare i fatti storici più salienti alla base delle lotte dello Stato sull’antistato per il ripristino dei valori fondanti la libertà e la democrazia, è l’occasione per un confronto sul ruolo strategico della Magistratura a supporto della giustizia e della legalità.
“Un Paese forte fonda la sua identità sul sostegno sempre più convinto alla legalità quale condizione primaria dell’agibilità democratica e civile – dichiara Domenico Naccari.
In questa direzione abbiamo inteso proporre come iniziativa di apertura dei Caffè letterari il volume di Giffone Longo Parodi edito da Einaudi per esprimere i valori che animano fino in fondo la nostra missione”.
”Cultura e libertà sono le ali della giustizia, – dichiara Antonella Freno. Non può esserci futuro, svolta, pace, progresso ed emancipazione senza un sostegno convinto ai valori fondanti la Nostra Costituzione che lo Stato riconosce attraverso l’esercizio del ruolo della Magistratura, a difesa dell’inalienabile diritto alla vita, nella sua straordinaria bellezza”.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *