Un bambino può essere adottato da una coppia (?) di uomini o donne, senza che la Vita non abbia di ciò nausea?

//   21 marzo 2017   // 0 Commenti

famiglia gay italia risultati sondaggio ipr marketing 640x503Un diritto straniero sull’adozione gay viene riconosciuto anche in Italia. Un atto giuridico dovuto o una porta aperta sullo stravolgimento della parola Famiglia anche in Italia?
A poco a poco questo mondo, dominato dai folli, ci sta abituando a considerare normale la manipolazione genetica, gli uteri in affitto, le gravidanze programmate, la nuova Famiglia dei gay e delle lesbiche con bambini ottenuti in adozione, l’eutanasia, gli imminenti robot dalle sembianze umane, etc. Siamo arrivati al fondo del trionfo della filosofia relativistica, per il silenzio di una filosofia antirelativistica che non esiste se non che nelle cattedre e nei libri, se non che nell’astrazione di un pensiero debole, soggettivo, opinabile, aggredibile, dei tanti che vengono schiacciati dalla materialità del sistema di pensiero dominante. Personalmente non vedo possibilità di contrasto all’affermazione dei nuovi mostruosi modelli di vita che si stanno imponendo sull’umanità, tranne che l’emersione di un nuovo modello di pensiero che attualizzi un nuovo concetto di Realtà, ovvero che tutto è veramente UNO al di là delle barriere di percezione spazio temporali, che chiamerei filosofia essenzialista, cioè essenziale, anzi movimento essenzialista portatore dell’Essenzialismo, ovvero della vera Sacra Luce dell’Essenza della Vita, quella che polverizza ogni falsa certezza. Inutile ogni ragionamento, ogni disquisizione, ogni argomentazione in contrasto al relativismo. Necessario invece l’ingresso delle coscienze nella dimensione segretissima della vita dell’Universo, delle energie sottili che sovrastano in modo invisibile la vita stessa. Necessaria una rivoluzione di Pensiero che spazzi tutte le attuali certezze e faccia vedere in faccia la Realtà, ovvero che dietro l’apparente banale scorrere del tempo della nostra esistenza, all’unisono si muovono le montagne, gli oceani, il Sole, le stelle, le galassie, come se tutto fosse collegato. La potenza delirante del pensiero relativista è proprio questa assenza di reale consapevolezza. Se chi manipola la vita nel DNA avesse coscienza degli squilibri che crea e che oggi non vede, nel rendersi conto di non essere il manipolatore ma il manipolato, avrebbe orrore di se stesso come di un mostro, che non ha futuro e spazio nella Vita, e se chi vede un diritto naturale per nulla osta dei presunti studi psicologici che un bambino sia adottato da chi vive la sessualità in modo innaturale, vedesse quali irrimediabili rotture di comunicazione della coscienza con le energie invisibili che tutto rendono collegato e UNO, il legislatore vedrebbe in ciò una mostruosità indifendibile.
Credo sia giunto il tempo che le vere conoscenze esoteriche che per secoli sono state dei pochi, divengano di tutti, o meglio dei tanti, così che tutto torni in equilibrio e la Famiglia sia inviolabile come è inviolabile l’energia che regge la struttura molecolare della stessa realtà. Credo sia giunto il tempo del mattino dei Maghi! La Scienza, che è una prostituta, deve essere incatenata dalle sacre Leggi della Vita che devono manifestarsi alla coscienza di tutti, anzi imporsi come la Legge di Gravità, cioè come incontrovertibili, inopinabili, indiscutibili. La Scienza deve entrare nella dimensione che non è dimensione, ma Adimensionale, dello Spirito, e cominciare a muoversi tra le colonne dell’Eternità e dell’Infinito, ovvero tra le Leggi supercomplesse dell’universo, che delineano anche in modo evidente la potentissima relazione tra il bambino Gesù che nasce in una grotta e DIO, ovvero tra l’intima relazione del Microcosmo col Macrocosmo, del finito con l’Infinito. Solo questa strada ci porterà alla consapevolezza dell’orrore di un bambino affidato ad una coppia di uomini o donne che hanno l’arroganza di volersi fare chiamare Famiglia. La Scienza deve entrare nell’Universo, nell’Uno, nell’Energia che regge tutta la Realtà, per essere essa stessa a delineare la follia del pensiero relativista, e a gettarla nell’immondizia non riciclabile. La Fede non è più sufficiente ad arginare la follia del pensiero relativista, ci vuole la certezza dello Spirito ovvero l’Apocalisse, che è Rivelazione.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *