Ultimatum Ue: Faro puntato su Grecia e Italia.

//   24 ottobre 2011   // 0 Commenti

merkel_sarkozy

Il presidente francese Nicolas Sarkozy e la cancelliera Angela Merkel – forti anche della ritrovata sintonia, grazie ad un avvicinamento sul fondo salva-stati – non hanno fatto sconti.

Cosi’ come i vertici della commissione Europea, il presidente del Consiglio Herman Van Rompuy e quello della commissione, Jose Manuel Barroso: tutti hanno voluto vedere il premier italiano prima dell’inizio dei lavori del Consiglio Europeo di oggi. E di buon mattino il Cavaliere ha risposto alla ‘convocazione’ che si e’ tradotta in una sorta di ‘ultimatum’: “Entro mercoledi”, data della seconda e ultima tappa del Consiglio di ieri, “l’Italia dovra’ dare le risposte” e “rassicurazioni” ha ammonito Van Rompuy chiamando Roma ad un lavoro, nelle prossime 72 ore, da “fare insieme, a braccetto”. Gli “chiediamo uno sforzo che sembra pronta a compiere”, ha aggiunto il presidente del Consiglio Ue.

E la Merkel che dice di “aver fiducia in Berlusconi” stigmatizza che la “fiducia ha bisogno di prospettive chiare”: l’Italia “ha una forza economica notevole, ma ha un debito pubblico molto elevato che deve essere ridotto in modo credibile”, ha detto la cancelliera tedesca colta in un eloquente ‘siparietto’ con Sarkozy durante la conferenza stampa congiunta franco-tedesca.

Il Cancelliere tedesco: abbiamo fiducia in Berlusconi.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *