Alfonso Cano cade in un bombardamento. Ucciso il leader delle Farc

//   5 novembre 2011   // 0 Commenti

Alfonso cano farc ucciso

Bogotà – Colpo al cuore delle Farc. O meglio, alla testa. In un bombardamento dell’esercito colombiano nella foresta del sudovest del paese è stato ucciso Guillermo Leon Saenz Vargas, detto Alfonso Cano, leader del gruppo guerrigliero Forze armate rivoluzionarie della Colombia dal 2008 quando prese il posto del fondatore Pedro Antonio Marin ‘Tirofijo’. A comunicarlo è il governo di Josè Manuel Santos, ex ministro della difesa impegnato da anni nella guerriglia più antica ancora in corso in Sudamerica.

I bombardamenti nell’area del Cauca duravano ormai da mesi, e il governo aveva più volte riferito che l’esercito si stava avvicinando al nascondiglio di Cano e compagni. Il 63enne leader delle Farc è morto dopo essere rimasto ferito durante un attacco vicino ad un centro chiamato Lopez de Micay, nel quale sono rimasti uccisi anche la sua compagna e altri guerriglieri. Dopo il bombardamento la battaglia è proseguita per altre 10 ore, poi l’esercito ha individuato e recuperato la salma di Cano.
Dunque, il governo di Bogotà, dopo l’uccisione di anno fa del capo militare dei guerriglieri, ‘Mono Rajoy’ (Victor Rojas), registra un’altra vittoria nell’infinita lotta con le Farc, che sembra però ben lungi dall’avvicinarsi alla fine.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *