TRUMP SPINGE GLI U.S.A. A LASCIARE L’UNESCO

//   13 ottobre 2017   // 0 Commenti

unesco3-1

Gli USA e Israele sono fuori dall’UNESCO. L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura, entrata in vigore dal 4 novembre 1946, che si occupa di valorizzare e proteggere anche territori di particolare pregio e bellezza, naturale e storica, promuovendo la pace e lo scambio culturale tra nazioni, ha ricevuto questa sorpresa: ieri gli Stati Uniti hanno annunciato la loro uscita dall’UNESCO, che diventerà effettiva dal 31 dicembre 2018. Motivazione: la posizione pro-Palestinese a danno degli USA e di Israele. Pregiudizi… persistenti. Questa decisione era già nell’aria da quando nel 2011 l’Agenzia aveva concesso l’entrata della Palestina come membro e gli USA avevano smesso di finanziare progetti. Uscire e non uscire, sembra la moda del momento, dall’Agenzia restando osservatore esterno non membro, per fornire il punto di vista degli Stati Uniti, con la loro esperienza.In questi giorni la corsa alle elezioni dell’Agenzia che vede testa a testa la francese Audrey Azoulay e il candidato del Qatar Hamad Bin Abdulaziz Al Kawari (che proprio non piace a Israele). Il Medio Oriente ritiene di essere arrivato nel giusto momento per prendere la direzione.

D’altra parte la posizione di Trump, filo israeliana, è sempre stata chiara, anche se dichiarava che i due stati avrebbero dovuto lavorare per la pace, sempre auspicata ma controversa da troppi anni.

E oggi il venerdì 13 non è finito! Alle 12,45 (18,45 ora italiana) attendiamo l’altro annuncio sulle sorti del nucleare iraniano, con il presupposto di cambiare il precedente accordo Obama. E poi in certi Paesi dicono che il 13 porta fortuna!


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *