Tremonti: presentata la manovra di bilancio triennale

//   7 luglio 2011   // 1 Commento

Napolitano - Tremonti

Il Ministro dell’Economia ha presentato i tre punti fondamentali della manovra triennale così suddivisi:  Sviluppo, Costo della Politica e Testo organico della Manovra.

Per il primo punto lo Sviluppo prevede una serie di strumenti volti ad aumentare la crescita economica attraverso i seguenti parametri:
- Per le nuove imprese con a capo i giovani un regime fiscale del 5% sintetico, pagheranno per 5 anni il 5% all’anno
- Contratti di rete con l’obiettivo di arrivare al numero di 200 contratti, le imprese continueranno ad conservare la loro individualità ma opereranno come unico soggetto-
- Incremento cassa depositi e prestiti
- Manovra per i fondi di venture capitals
- Contratti di rete anche in ambito turistico ( distretti turistici a burocrazia zero)
- Export cassa depositi e prestiti e integrazione dell’Ice nel Ministero degli esteri
Il primo punto prevede inoltre la:
- Liberalizzazione degli uffici di collocamento e lavoro, ampliamento dell’attività delle stazioni di servizio e liberalizzazione degli orari degli esercizi commerciali
- Riforma per il processo civile che accelererà le attività attraverso uno stock (soprattutto per le cause Inps)
- Riforma dell’Anas
- Progetto della banda larga con la creazione di una rete nazionale

Per il secondo punto la manovra affronta il problema dei Costi della Politica:
- Per il prossimo parlamento si prevedono costi politici in criterio di livellamento alla media Europea
- Per questo parlamento i costi della la Camera e del Senato subiranno una riduzione e ci sarà la creazione di un fondo destinato all’8 per mille.
- Taglio del 30% per i partiti politici
- Riduzione dei benefici alla burocrazia
- Costi dei voli di stato pubblicati sul sito
- Auto blu a cilindrata non superiore ai 1600
Nel terzo e ultimo punto il Testo organico della Manovra:

La stessa manovra è suddivisa in decreto e delega assistenziale:Napolitano Tremontiletta

- Per il 2011 correzione costi pari a 2 miliardi ( salvo correzioni)
- Per il 2012 correzione costi pari a 6 miliardi ( salvo correzioni)
- Per il 2013 correzione costi pari a 18 miliardi piu’ un surplus di 2 miliardi ( di provenienza dalla delega assistenziale)
- Per il 2014 correzione costi pari a 25 miliardi piu’ un surplus di 15 miliardi ( di provenienza dalla delega assistenziale)


Articoli simili:

1 COMMENT

  1. By sebastiano mura, 12 agosto 2017

    Complimenti per l’iniziativa , un augurio di crescita e successo

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *