Tra sogno ed emozione : Le notti bianche di Dostoevskji al Ghione di Roma .Standing ovation per Giorgio Marchesi affiancato da Camilla Diana .

//   20 febbraio 2019   // 0 Commenti

vin-dhonneur

Roma – Standing ovation  al Teatro Ghione di Roma  per lo  spettacolo teatrale Le notti bianche di Fedor Dostoevskji ,per la regia di Francesco Giuffrè   con  la magistrale interpretazione di  Giorgio Marchesi e Camilla Diana, più volte chiamati agli applausi ,nel gran finale.

La folta e qualificata  presenza dei soci e dirigenti dell’Istituto europeo di Cultura politica Italide guidato dalla Presidente Antonella Freno, in overbooking di prenotazioni per la sinergia attivata con   Roberta Ghione, nel quadro delle attività di cooperazione istituzionale  di forte valenza culturale,ha caratterizzato  la serata di S. Valentino.

E’ riemersa, nel corso della rappresentazione, l’atmosfera ottocentesca della San Pietroburgo narrata da Dostoevskjii, con i suoi contrasti e le peculiarità,le forti aspirazioni al progresso ed all’apertura sociale. Calpestio dei cavalli, voci di passanti frettolosi, atmosfere chiaroscurali illuminate da romantiche lucerne a petrolio , hanno rappresentato la naturale cornice di  una storia d’ amore ,vissuta alla luce del fenomeno delle notti bianche, paradigma dell’ aspirazione al sublime e  di tensione al  bene supremo.

E’ emersa la visione dell”Amore come dono, in una visione etica ed estetica di ispirazione platonica,  come desiderio di alterità e  di aspirazione assoluta  al bene dell’altro.

Una dimensione sentimentale che si è  posta quale antidoto alla solitudine dell’anima ed alla tristezza di un quotidiano ripetitivo ed alienante.

Sta qui la bellezza dell’opera dell’autore russo, affidata ai vibranti monologhi di Giorgio Marchesi  , che ha rappresentato in maniera superlativa  il ruolo del Sognatore, l’ispirazione creativa di una solitudine  di forte valenza catartica che respinge la dimensione dell’ovvio e del banale e sublima il valore dell’attimo .

“Una straordinaria occasione di riflessione sui valori primari della vita, sull’esigenza di ritrovare,nella postmodernità, le radici di un nuovo umanesimo,  arginando  le insidie di  una realtà virtuale che allontana  e divide”- ha dichiarato Antonella Freno ,  a chiusura della rappresentazione  ed in occasione  del  solenne  vin d’honneur. Complimenti al regista Francesco Giuffrè, a Roberta Ghione per la scelta straordinaria ed esclusiva ,a Giorgio Marchesi che ha interpretato il  personaggio protagonista in maniera vibrante e appassionata, alla giovanissima Camilla Diana , oltremodo radiosa . Per Italide la  vera via è la cultura. Ripartiamo da qui “.

La  speciale serata  ,caratterizzata dalla  esclusiva partecipazione di Pippo  Baudo e di Livia  Giuffrè,moglie dell’indimenticabile Carlo,di Lina Sastri e Antonella Elia,  ha avuto un momento celebrativo  introdotto e coordinato  dal Direttore Mediaset  Antonio Pascotto , con la testimonianza accademica del Prof Leonardo Saviano , direttore del museo Mazzarino  e Storico del  Principato Di Monaco  e con gli  interventi speciali  degli applauditissimi attori  , in imminente tournèè per i principali teatri italiani.

Vin dhonneur


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *