Tiziano Ferro, dopo l’outing, rivela a Vanity Fair: ”Amo un uomo e sono felice”.

//   30 novembre 2011   // 0 Commenti

tiziano ferro

E’ passato 1 anno da quando Tiziano Ferro ha fatto outing, ponendo così fine a un lungo e grigio periodo di isolamento.

«Ero come un un bambino alla guida di una Ferrari» racconta Ferro, che d’improvviso si è ritrovato scaraventato in un nuovo mondo fatto di locali e incontri, esperienze invisibili da dietro muro in cui aveva recluso la sua socialità. Una novità che inizialmente lo ha stordito: come in episodio di Sex & the city si è ritrovato sballottato in una mischia di improbabili pretendenti, simpatici, ma strambi casi umani, dall’aspirante manager all’improvvisato psicanalista, che hanno rappresentato un inizio mortificante.

Smarrimento che è stato presto sostituito dall’allegria: «Mi sono detto che almeno avrei avuto un bel po’ di aneddoti per far divertire gli amici». E come spesso avviene in questi casi, l’amore è si è fatto vivo proprio quando si smette di aspettarlo, convinti di bastare a se stessi.  L’arrivo di una persona speciale però non ha coinciso con la fine del percorso, anzi ha rappresentato l’inizio di una nuova sfida: imparare ad amare. «Non ho mai parlato d’amore. Tanto meno in italiano. Ma me la sto cavando piuttosto bene. Quando ti scopri persona che ama in età adulta, ti manca tutta l’esperienza che gli altri si creano nel tempo: la casistica del bigliettino, della ricorrenza, della condivisione. Ci vuole tanta pazienza, anche da parte dell’altro. Tra i miei timori c’era quello di dover sacrificare tante vittime prima di sentirmi disposto a consegnarmi».

Per ora l’identita’ del suo compagno resta un mistero.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *