Titoli Cirio, altra vittoria di Confconsumatori

//   1 febbraio 2012   // 0 Commenti

Cirio 300x151Altra vittoria e altro risarcimento per Confconsumatori di Prato. Il Tribunale dà ancora ragione all’associazione consumatori e condanna una banca a restituire a due cittadini pratesi il denaro persi in titoli Cirio. Il capitale era stato investito nel 2001 nei titoli della Cirio Luxemburg, società lussemburghese collegata alla Cirio, e ora la banca è costretta a rendere i soldi persi nei “titoli spazzatura”, oltre agli interessi ed alle spese di tenuta del conto titoli.

Le due risparmiatrici si erano rivolte circa un anno fa alla Confconsumatori di Prato che aveva già ottenuto alcune sentenze favorevoli sul caso Cirio. Assistite dagli Avv.ti Alessandro Fagni e Daniele Nicolin hanno proposto ricorso al Tribunale utilizzando una procedura più rapida di quella ordinaria, detta ”sommaria”, introdotta nel 2009.

In poco più che un anno, l’associazione di via Giordano ha ottenuto un’altra sentenza favorevole in tema di risparmio tradito. Giustizia è fatta. ”Un ottimo risultato – afferma il presidente provinciale Marco Migliorati – che diviene eccellente se pensiamo ai tempi rapidissimi di definizione, poco più di un anno per riprendersi quanto perduto 10 anni fa“. Il Giudice, dott.ssa Condò, ha infatti ritenuto, nella propria ordinanza, che la banca avesse omesso al risparmiatore le necessarie informazioni sulla rischiosità del titolo e sulle condizioni patrimoniali disastrose del gruppo Cirio, spingendo le clienti ad acquistare un titolo per loro inadeguato.

“L’ennesimo successo della nostra associazione – continua Migliorati – ci spinge a continuare la battaglia contro banche e intermediari finanziari. Considerato che ci sono questioni ancora aperte come quelle dei bond Argentini, dei titoli Cirio, Parmalat, ForYou, Lehmann ed altre, a febbraio inaugureremo qui a Prato uno sportello informativo per difendere gli utenti bancari”.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *