Tasse, Bagnasco: “Occorre che i politici coltivino sempre di piu’ il bene generale”

//   20 agosto 2011   // 0 Commenti

bagnasco

Questo e’ quello che sta più a cuore come sempre alla Chiesa: la difesa della famiglia che resta «il punto centrale». Bagnasco, infatti, ricorda che se l’Italia ancora non affonda è proprio grazie alla tenuta di questa istituzione che invece in altre società si è già disintegrata. «La famiglia è stata in questa crisi una valvola di sicurezza enorme e sarebbe miope e dannoso non considerarla come un ganglio vitale – dice Bagnasco – Non perdiamo questo patrimonio, questo punto fermo. Se la famiglia non è al centro della politica la società non va da nessuna parte».
Parole che non cadono nel vuoto perché già ieri nel pomeriggio ha preso forma un emendamento alla manovra, messo a punto dal sottosegretario Carlo Giovanardi, per escludere dal contributo di solidarietà le famiglie numerose, quelle con tre figli o più, per i redditi fino a 150mila euro.

Nel suo intervento il presidente della Conferenza Episcopale fa riferimento anche ad altri due temi. Da una parte le missioni all’estero dei militari italiani, sul quale c’è stato un ripensamento da parte della Cei. Bagnasco, infatti, chiede di difendere anche le missioni all’estero perché, afferma, «non riguardano tanto i bilanci ma i diritti umani fondamentali che in certe parti del mondo non sono rispettati». Insomma non si devono fare i conti senza valutare le conseguenze dal punto di vista umanitario altrimenti si rischia di dimenticare «le situazioni drammatiche che si vivono in altre parti del mondo».

E, infine, dall’altra parte una richiesta del cardinale che sottolinea la necessità urgente di combattere l’evasione che vola «ben oltre qualunque debito pubblico». Bagnasco fa appello alla coscienza di tutti ricordando che è dovere di ciascuno «fare la propria parte» anche pagando le tasse. Un’esortazione che, ovviamente, suscita l’inevitabile reazione dei radicali che da anni mettono sotto accusa i vantaggi fiscali concessi alla Chiesa cattolica dallo Stato italiano.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *