La Sopraintendenza BPSAE di Pisa apre le sue porte a Residenze Solari

//   8 febbraio 2012   // 0 Commenti

rinnovabili3 300x195Un Ente molto importante per le sorti delle rinnovabili ha deciso di aprire le porte del proprio palazzo al progetto Residenze Solari.

Infatti la prossima edizione del corso sulle rinnovabili e sulla sostenibilità ambientale promosso dall’Associazione CRETA farà una tappa formativa presso la Sopraintendenza BPSAE (Beni culturali, storici, artistici e etnografici) di Pisa.
L’ente pubblico spesso chiamato in causa per decidere la fattibilità o meno dei progetti di architettura sostenibile, a dimostrazione della bontà formativa del progetto Residenze Solari, ha deciso di collaborare con la nostra associazione nella promozione e organizzazione della prossima scuola.

Il 23 mattina le lezioni si sposteranno dai banchi della Limonaia (edificio presso il quale si svolgeranno le altre lezioni) per entrare nel vivo dei temi caldi che riguardano il territorio e il paesaggio e l’integrazione paesaggistica degli impianti di nuova generazione. Soluzioni davvero molto sorprendenti anche per noi che le abbiamo viste in anteprima.

In collaborazione con il Laboratorio sul Paesaggio della Soprintendenza abbiamo strutturato una mattina formativa per approfondire il tema della valorizzazione del paesaggio urbano attraverso le nuove tecnologie sostenibili, integrate architettonicamente anche nel patrimonio edilizio esistente e nei nostri centri storici, anche quelli più di pregio.
Era un argomento che in molti ci chiedevano da tempo, spesso riscontrando nella sopraintendenza un muro invalicabile da superare. Ecco che adesso i segreti verranno svelati e al posto del muro sarà costruito un ponte.

Questa edizione costituirà quindi un’occasione unica per affacciarsi verso nuove tematiche come l’architettura solare che verrà appunto trattata nella mattina del 23 presso la Soprintendenza solo per chi partecipa all’intera Scuola, dal 22 al 25. Inutile sottolineare che, vista l’unicità dell’evento, non sappiamo se quest’occasione si possa più ri-presentare per il futuro. Meglio quindi cogliere adesso l’opportunità di partecipare.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *