Smat Working, Nicastri (Aidr): la tecnologia è il fattore abilitante

//   30 novembre 2018   // 0 Commenti

img-20181130-wa0003

IMG 20181130 WA0003

Le tecnologie digitali sono una condizione necessaria per permettere alle persone di lavorare da remoto da casa o da qualsiasi altro luogo, ma con la possibilità di essere pienamente operativi e di accedere a risorse e dati aziendali come se si fosse in ufficio.
È questo lo smart working, o lavoro “agile”, che permette di conciliare tempi e ritmi di vita privata con il lavoro, e che genera importanti ricadute anche sul costo della vita, sulla mobilità urbana e sull’ambiente.
Sono diverse le aziende e le pubbliche amministrazioni che in Italia hanno già avviato programmi in tal senso con effetti positivi attestati dalle ricerche più recenti che dimostrano come lo smart working sta producendo potenziali benefici economico-sociali.
Mercoledì 5 dicembre alle ore 17, nella sala del Refettorio della Camera dei Deputati, sarà l’occasione per tracciare un bilancio sullo stato dello smart working nelle aziende e nella PA. Sarà anche l’occasione per confrontarci sullo stato di applicazione della giovane legge 81/2017 e raccogliere le testimonianze degli autorevoli relatori per capire veramente se le loro iniziative hanno portato a un ripensamento complessivo dell’organizzazione del lavoro a beneficio dei lavoratori stessi e delle aziende.

di Mauro Nicastri
Presidente AIDR e responsabile competenze digitali AgID


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *