Allarme buco dell’ozono sull’Antartide: a settembre picco annuale

//   21 ottobre 2011   // 1 Commento

dimensione del buco ozono

”Le temperature più fredde della media nella stratosfera, il secondo dei cinque strati in cui è suddivisa l’atmosfera, hanno ingrandito il buco dell’ozono, rispetto alla media”, ha detto Paul Newman, che lavora nel centro Goddard della Nasa. ”Anche se è abbastanza grande – ha aggiunto – il buco dell’ozono quest’anno rientra comunque all’interno della gamma che ci aspettiamo tenuto conto dei livelli di sostanze chimiche che continuano a persistere nell’atmosfera”.

Per il monitoraggio annuale del buco dell’ozono sull’Antartide la Nasa utilizza palloni atmosferici, strumenti a terra e satelliti. Lo strato di ozono, osservano gli esperti, protegge la superficie del pianeta dalle radiazioni ultraviolette che hanno effetti dannosi, per esempio sulla pelle. ”Le sostanze chimiche artificiali responsabili della distruzione dell’ozono sono in lento declino a causa di un’azione internazionale, ma in atmosfera ci sono ancora grandi quantità di queste sostanze chimiche che fanno danni”, ha affermato James Butler, direttore della Divisione Monitoraggio globale del NOAA.

I prodotti chimici dannosi per l’ozono sono stati gradualmente ridotti, come risultato del protocollo di Montreal del 1987, tuttavia molte di queste sostanze restano in atmosfera per decenni. I modelli globali atmosferici prevedono che l’ozono stratosferico potrebbe recuperare da metà del secolo, ma stimano che il buco dell’ozono in Antartide probabilmente persisterà una due decadi più a lungo.


Articoli simili:

1 COMMENT

  1. Pingback: Il buco dell’ozono sull’Antartide ha raggiungo il picco annuale – ANSA.it | edicolasammarra.it

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *