Si lavora a una manovra da 20-25 miliardi.

//   30 novembre 2011   // 0 Commenti

palazzo chigi

Nel caso in cui, invece, dall’Europa dovesse arrivare un’indicazione meno restrittiva, la manovra sarebbe più contenuta e scenderebbe a 13-15 miliardi.

A confermare il peggioramento del quadro economico le stime diffuse ieri dall’Ocse che ha indicato una contrazione del Pil dello 0,5% per il 2012 contro un aumento dello 0,6% previsto dal governo Berlusconi e dello 0,1% stimato dalla Commissione europea. La commissione Ue chiede all’Italia di adottare in fretta “misure aggiuntive” per rispettare l’obiettivo del pareggio di bilancio nel 2013 e per stimolare la crescita.

E’ quanto si apprende da un rapporto degli ispettori di Bruxelles, di ritorno da una missione a Roma, che stasera è discusso alla riunione dei ministri delle Finanze europei. Nel documento l’esecutivo Ue chiede all’Italia una manovra da undici miliardi di euro e, per ora, non prende in considerazione la richiesta di Monti di privilegiare le riforme per la crescita.

Oggi comunque questo aspetto del problema dovrà’ essere discusso dai ministri delle Finanze europei.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *