Scioperano TUTTI: taxi, treni e benzinai

//   18 gennaio 2012   // 1 Commento

sciopero taxi

L’Italia dei trasporti incrocia le braccia. Tutti contro le liberalizzazioni volute dal governo Monti: tassisti, benzinai e ferrovieri. Chi prima chi dopo, sciopererà in segno di protesta, paralizzando il paese. A partire dai tassisti, che già da oggi stanno protestando nelle maggiori città del Belpaese.

Tassisti sul piede di guerra

A Roma, Milano e Napoli è già in corso la protesta. “Se il governo non ci ascolta faremo l’inferno” minacciano i tassisti. Nella Capitale sono pochissimi i taxi in circolazione, gli autisti  hanno indetto una nuova assemblea al Circo Massimo, da giorni centro di gravità della protesta. A Milano è stata invece proclamata una serrata fino alle 15, ora in cui è previsto l’incontro dei rappresentanti della categoria a Palazzo Chigi. ”Se ieri sera il Governo ci ha solo ascoltato allora scateniamo la guerra – ha detto Loreno Bittarelli, leader di UnitaxiE se è stata solo un’audizione, allora faremo sentire le nostre ragioni. Se vogliono il braccio di ferro davvero succede l’inferno. Le liberalizzazioni dei taxi non portano benefici a cittadini, lo si è dimostrato con esperienze analoghe in Europa e nel mondo“.
Intanto, rimane fissato a lunedì 23 gennaio lo sciopero generale della categoria.

Treni fermi il 27 gennaio

Anche i treni si fermeranno, ma dalle 21 di giovedì 26 gennaio fino alle 21 di venerdì 27. Così ha deliberato l’Orsa, sindacato dei ferrovieri, motivando così la sua decisione:  ”Il diritto dei lavoratori ad avere un contratto nazionale è inalienabile, non può essere cancellato dalla liberalizzazione“.

Pompe ferme per una settimana?

Ben 7 giorni di sciopero per i benzinai. A sentir le parole del presidente dell’Unione petrolifera Pasquale De Vita le cose andranno proprio così: “Sette giorni di sciopero dei benzinai annunciati da Figisc e Anisa sono tanti, ma si tratta di un’indicazione precisa della loro preoccupazione per le misure di liberalizzazione a cui lavora il governo. Lo sciopero è dovuto al fatto che i gestori temono che il giorno in cui ci fosse la rottura dell’esclusiva le aziende recupererebbero la gestione degli impianti, almeno quelli più consistenti e si tratta di un timore ragionevole”.
Tuttavia, pare che non tutti sciopereranno: Faib e Fegica si sono dissociate. Ancora da definire date e orari dello stop.


Articoli simili:

1 COMMENT

  1. By Luchino, 23 febbraio 1489

    Ciao, per ridurre i disagi dovuti allo sciopero si può utilizzare il carpooling!
    Carpooling significa auto di gruppo. In pratica chi viaggia in automobile si rende disponibile a dare un passaggio in cambio di un minimo contributo spese. Durante i giorni di sciopero questa alternativa può essere di fondamentale importanza. Vi segnalo una piattaforma web, gratuita, per il carpooling: http://www.bring-me.it con una sezione dedicata allo sciopero.

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *