Sanita’. Zaia istituisce Commissione Scientifica per sSCM

//   25 agosto 2011   // 0 Commenti

luca_zaia

Il presidente del Veneto Luca Zaia ha istituito, con proprio decreto d’urgenza, la Commissione scientifica regionale per lo studio della sindrome da Sensibilità Chimica Multipla (sSCM). Obiettivo della Commissione è di avere in tempi rapidi elementi di maggiore conoscenza circa l’incidenza della sindrome e di analizzare le cause e i fattori connessi alla patologia in funzione dello sviluppo e della formalizzazione di protocolli clinici di diagnosi e cura.

La sSCM è potenzialmente ricompresa tra le patologie allergiche, ma le sue caratteristiche cliniche non sono ancora ben descritte: Si ipotizza che possa rappresentare una malattia acquisita caratterizzata dal ripetersi di sintomi riferibili a organi e funzioni diverse, che si manifestano come risposta ad una documentata esposizione a molti composti chimici, tra loro non correlati, a dosi inferiori a quelle ritenute pericolose per la popolazione generale. A distanza di quasi un secolo da quando si è ipotizzata la sua esistenza , a tutt’oggi la sindrome non trova all’interno della comunità scientifica una condivisa definizione come entità nosologica a se stante, dotata di un profilo clinico – diagnostico e terapeutico proprio, anche perché mancano un test diagnostico inequivocabile, una chiara correlazione tra esposizione e sintomatologia clinica e, soprattutto, per le scarse conoscenze sugli eventuali meccanismi che generano la patologia stessa. A fronte di tale situazione, di recente si è riproposto nei confronti della comunità medica (il riferimento è al caso della dolorosa vicenda della piccola Camilla Ruffo di San Vendemiano) l’urgente problema del pieno riconoscimento della sSCM e del corretto approccio diagnostico e clinico, volto ad evitare l’invalidità del paziente e il suo isolamento fisico con la privazione di qualsiasi forma di vita sociale.

La Commissione sarà composta dal prof. Giovanni Perilongo, professore ordinario di Pediatria all’Università di Padova; dal prof. Carlo Agostini, direttore della scuola di specializzazione in allergologia e immunologia clinica dello stesso ateneo; dal prof. Eugenio Baraldi, professore ordinario di pediatria della medesima Università; dal prof. Angelo Barbato, professore associato di pediatria nello stesso Ateneo; dal prof. Attilio Boner, professore ordinario al Dipartimento di Scienze della vita e della riproduzione – sezione pediatria dell’Università di Verona; dal prof. Maurizio Clementi, professore straordinario di genetica medica al dipartimento di pediatria dell’Università di Padova; dalla prof.ssa Paola Facchin, responsabile del Coordinamento regionale per le malattie rare; dal prof. Marcello Lotti, professore ordinario al Dipartimento di medicina ambientale e sanità pubblica dell’ateneo patavino. Il coordinamento dei lavori della Commissione è affidato al dott. Simone Tasso, responsabile regionale del Servizio Assistenza Ambulatoriale presso la Direzione attuazione programmazione sanitaria della Segreteria della Sanità.

Il decreto del presidente Zaia sarà sottoposto a ratifica della Giunta regionale nella prima seduta utile della medesima.

 


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *