Rubini: “Sdegnata per la sentenza sullo stupro di gruppo”

//   6 febbraio 2012   // 0 Commenti

cook olimpia milano1Oggi pomeriggio in occasione del Consiglio Provinciale, il Consigliere Claudia Rubini ha rilasciato una dichiarazione di apertura e presentato relativo OdG per stigmatizzare l’aberrante sentenza della Corte di Cassazione che ha sancito il non obbligo di carcere per gli stupri di gruppo.
“Come donna, come cittadino e come eletta nelle istituzioni – afferma Claudia Rubini, responsabile pari opportunità PDL per l’Emilia-Romagna – sono sdegnata per ciò che hanno affermato i giudici e di fatto con questa sentenza torniamo indietro rispetto ai recenti passi avanti che erano stati fatti. Il Governo Berlusconi aveva tolto al giudice, per il reato di stupro, la facoltà di decidere fra custodia cautelare in carcere e misure alternative: la Cassazione oggi invece lancia una vera e propria bomba che somiglia molto ad un primo passo per depotenziare il reato di stupro. – E non è vero che si è deciso in “punta di diritto” applicando una interpretazione estensiva ad una altrettanto non condivisibile sentenza della Corte Costituzionale: la violenza di gruppo è comunque un reato ben più grave rispetto alle altre fattispecie, se guardiamo il fatto dalla parte della donna, aggredita dal branco. Credo proprio che ancora una volta in questi processi, chi giudica non tenga in nessun conto la vittima dello stupro, la sua sensibilità ed il suo dramma anche interiore”.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *