Inghilterra, la linea dura di Cameron paga. Prima notte senza scontri

//   11 agosto 2011   // 0 Commenti

rivolta inghilterra

Londra- Prima notte tranquilla dopo le violenze dei giorni scorsi in Inghilterra. Il pugno duro di Cameron, tradottosi in un massiccio dispiegamento di forze di polizia (16mila agenti nella sola Londra), arresti e fermi per i responsabili (oltre 1000) dei saccheggi e disordini che hanno messo a ferro e fuoco le principali città del Regno Unito, pare aver messo fine alla rivolta innescata dall’uccisione di Mark Duggan.
Dopo quattro notti di disordini e guerriglia urbana, le misure adottate dal premier – e la minaccia di utilizzare cannoni d’acqua e proiettili di gomma – stanno riportando il paese alla normalità. “Serviva una risposta, e c’è stataI criminali saranno identificati fotografia dopo fotografia e saranno arrestati, e non consentiremo che vengano avanzati dubbi ipocriti sulla liceità di pubblicare le immagini delle telecamere“, ha dichiarato Cameron. Ma un segnale arriva anche dalla popolazione: migliaia di volontari sono scesi in strada a Londra, a Birmingham, Manchester e in molti altri centri per ripulire le città devastate dai saccheggi. Il peggio, dunque, sembra passato, si attendono sviluppi nei prossimi giorni.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *