Jader Bignamini al debutto con Wagner e Brahms all’Auditorium di Milano

//   23 febbraio 2016   // 0 Commenti

1 Jader Bignamini e laVerdi -© copyright Masha SiragoReportersAssociati&Archivi

Venerdì 26 alle ore 20 e domenica 28 febbraio alle ore 16 all’Auditorium di Milano in largo Mahler doppio debutto per Jader Bignamini che, appena rientrato da Francoforte per la direzione de Il trovatore, a conferma della sua conclamata vocazione internazionale di grande interprete verdiano, si misura alla guide dell’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi in un debutto assoluto con Wagner e con la Prima sinfonia di Brahms.

In locandina i preludi de I maestri cantori di Norimberga e Lohengrin e l’ouverture di Tannhäuser di Richard Wagner, per chiudere con la Sinfonia n. 1 in Do minore di Johannes Brahms.

 “Confermo: è la prima volta che dirigo Wagner in assoluto, così come è la prima volta che mi trovo a tu per tu con la Prima sinfonia di Brahms” – afferma Jader Bignamini  – “Credo sia giunto il momento per affrontare Wagner, perché ritengo di avere acquisito la maturità necessaria e sufficiente per poter entrare nei dettagli delle partiture in programma, caratterizzate da un’architettura armonica molto complessa. Stessa cosa vale per Brahms: dopo avere diretto per la prima volta la Seconda sinfonia dell’amburghese, lo scorso novembre, sempre con laVerdi,  eccomi alla Prima: un altro debutto e una nuova prova di maturità per il sottoscritto. Da amante di Wagner, devo dire di aver voluto fermamente i titoli in locandina. Il leitmotiv del preludio dei Maestri cantori è molto popolare; lo si ritrova anche in una citazione della Prima sinfonia di Brahms, eseguita nella seconda parte del programma: una dimostrazione di “potere musicale” dell’amburghese, il quale lasciava intendere che lui, con quel tema, poteva costruirci sopra addirittura una sinfonia. Lohengrin è uno dei preludi più dolci e delicati, dove gli archi sono protagonisti, a differenza della maggior parte della produzione wagneriana, dominata dagli ottoni. Infine  Tannhäuser, dove ritroviamo gli aspetti comuni agli altri due brani, con passaggi degli archi di difficoltà incredibile – soprattutto nel finale -, messi in contrapposizione alla potenza degli ottoni e dei tromboni in particolare”.

Venerdì 26, sempre all’Auditorium (ore 18.00, Foyer della balconata, ingresso libero), Marco Brighenti ed Enrico Reggiani saranno i relatori della tradizionale conferenza di introduzione all’ascolto, dal titolo “Wagner tra musica e politica”.

Info: (Biglietti: euro 35,00/15,00; info e prenotazioni: Auditorium di Milano Fondazione Cariplo, largo Mahler, orari apertura: mar – dom ore 14.30 – 19.00, tel. 02.83389401/2/3;  on line:  www.laverdi.org o www.vivaticket.it

(Masha Sirago, foto © copyright Masha Sirago/ReportersAssociati&Archivi, mashasirago@gmail.com)


Tags:

Auditorium di Milano

Brahms

Jader Bignamini

LaVerdi

Masha Sirago

milano

Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi

Wagner


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *