Roma, il degrado di Villa Ada

//   27 dicembre 2011   // 0 Commenti

www.aduc .it generale files file allegati 20111227 VillaAda1.pdf 120105 300x170Dopo le libagioni natalizie una bella passeggiata in uno dei parchi piu’ estesi di Roma (180 ettari), fa proprio bene. Villa Ada, ovvero villa Savoia, residenza di Vittorio Emanuele III, che vi fece arrestare Mussolini, e’ il luogo ideale per una bella camminata, ma piu’ la percorri, piu’ aumenta lo sconforto. Non si puo’ dire che la cura del verde, degli immobili e degli impianti sia una priorita’ per i nostri amministratori. Le foto possono testimoniare che la manutenzione lascia a desiderare: non abbiamo visto un lampione con la sua lampadina, per non dire che alcuni sono “scapicozzati” o abbattuti; il tempio di Flora devastato; la fontana dell’ottocento in disarmo; alberi crollati; edifici degradati.
Roma Capitale, e’ il nuovo nome della Citta’ Eterna, proclama il Sindaco, Gianni Alemanno. Di Capitale, Roma ha proprio poco.

LE FOTO

di Primo Mastrantoni, segretario Aduc


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *