Rc professionale: l’assicurazione professionale come strumento di lavoro

//   14 luglio 2015   // 0 Commenti

rc auto 300x145Dal 15 agosto 2013 per i liberi professionisti in Italia è entrata in vigore l’assicurazione professionale, una rc professionale che deve coprire i danni commessi in modo involontario durante l’esercizio del mandato di lavoro.

Spesso e volentieri infatti i professionisti che lavorano in regime di libera prestazione durante il lavoro possono incorrere in danni ed è per coprire chi compie una prestazione professionale e risarcire il danno al cliente che nasce la necessità di rendere obbligatoria la copertura assicurativa. Nei fatti la rc professionale è una polizza d’assicurazione che copre la Responsabilità Civile Professionale dei professionisti, dunque si tratta di una protezione economica che, in caso di danno, andrà a ripagare il cliente. La compagnia assicurativa che stipula un rc professionale ad un professionista andrà a saldare ed estinguere le  richieste di risarcimento fatte da terzi all’Assicurato per i danni involontariamente cagionati durante  l’esercizio della  attività professionale.

Con il D.P.R. 137/2012 conosciuto ai più come  Riforma delle Professioni  diventa legge la rc professionale, nel testo infatti è scritto che: “il professionista è tenuto a stipulare idonea assicurazione per i danni derivanti al cliente dall’esercizio dell’attività professionale”. Dunque dal 2013 un libero professionista non solo deve essere  iscritto all’Albo territoriale di appartenenza ma deve anche essere dotato di idonea assicurazione professionale, non solo, sempre in forza della Riforma delle Professioni il prestatore d’opera iscritto al’Albo professionale, prima di prendere un nuovo incarico professionale deve mostrare al cliente la polizza d’assicurazione professionale e chiarire i massimali per cui è assicurato.

Molti non ci credono ma in realtà la rc professionale tutela il professionista ed il cliente, il professionista che ha sottoscritto una idonea polizza professionale potrà lavorare in tutta serenità consapevole che se mai durante il mandato di lavoro commetterà un errore non dovrà rimetterci del patrimonio personale, così come il cliente si affiderà al professionista con la certezza che se dovesse subire qualche danno avrà chi lo risarcirà.

La rc professionale è da intendere come strumento necessari per lavorare secondo l’inquadramento di legge così come è bene ricordare che nonostante la copertura assicurativa è fatto obbligo al professionista di lavorare con una buona condotta morale e civile, dunque è sempre necessario lavorare al meglio nonostante la copertura assicurativa.

Se per caso si è professionsiti ma non si è titolari di firma o si lavora a contratto è bene ricordare che l’assicurazione professionale anche detta rc professionale è meglio averla nonostante la legge obblighi al titolare di studio di inserire tra i propri massimali anche i dipendenti.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *