Qual è il portoncino migliore per la tua casa?

//   6 marzo 2020   // 0 Commenti

portoncino-ingresso-in-pvc

La scelta del portoncino di ingresso della casa è importante non solo dal punto di vista estetico, ma anche per la sicurezza del posto in cui si vive. Per questo motivo occorre valutare con attenzione le numerose proposte a disposizione sul mercato, così da essere certi di individuare quella che davvero si adatta alle proprie esigenze. Per altro, l’ingresso funge anche da biglietto da visita per un appartamento: è la prima cosa a cui si presta attenzione quando si entra in casa. Invitando degli ospiti, questi non potranno fare a meno di guardare con interesse e curiosità l’ingresso: ecco perché sarebbe preferibile lasciare in loro una buona impressione.

Lo stile giusto

Al di là dei gusti personali, per trovare il migliore portoncino di ingresso è necessario tenere conto dello stile di arredamento della casa nel suo complesso. Se, per esempio, si abita in una casa vecchia, magari impreziosita con dei dettagli in pietra che rimandano a un’atmosfera di altri tempi, il consiglio è quello di puntare su una porta ornata e classica, eventualmente con del vetro colorato a incorniciarla, per sfruttare il binomio tra vintage ed eleganza.

Come scegliere

Nel caso in cui ci si diriga in uno showroom, può essere utile avere l’accortezza di scattare alcune foto all’ingresso dell’abitazione in modo da averle con sé quando si dovrà prendere la decisione finale. A volte, infatti, si fa fatica a immaginare la resa di una installazione se non la si ha davanti agli occhi: con questo piccolo trucco, invece, diventa più facile fare mente locale ed essere certi di trovare la soluzione più adatta alla propria casa. Ciò è vero a maggior ragione nel caso in cui non si sia ancora giunti a una decisione a proposito del materiale in cui il portoncino deve essere realizzato.

È meglio il legno o è meglio l’alluminio?

A questo proposito, sono due le principali alternative tra cui è possibile scegliere: il legno e l’alluminio. Entrambe le soluzioni si caratterizzano per pro e contro che vale la pena di tenere in considerazione in vista di una scelta oculata. Il legno, per esempio, è elegante e caldo, contribuendo a dar vita a un’atmosfera accogliente e familiare; certo è, però, che richiede una certa attenzione dal punto di vista della manutenzione. L’alluminio, d’altro canto, è sinonimo di robustezza e di resistenza: insomma, una vera e propria garanzia contro i ladri e per prevenire i tentativi di effrazione da parte di eventuali malintenzionati.

Le proposte sul mercato

Nulla vieta, d’altra parte, di accostare il legno e l’alluminio per un mix speciale. E, ancora, vale la pena di dedicare la giusta attenzione ai portoncini ingresso stile inglese, ma anche di capire se la porta dovrà essere dotata o meno di fissi laterali. Collocati a destra e a sinistra dell’ingresso, essi consentono di illuminare in modo ottimale il vano che si apre dietro la porta. Non sempre è possibile ricorrere a questa soluzione, poiché tutto dipende dalla quantità di spazio che si ha a disposizione; di sicuro se se ne ha l’opportunità è consigliabile sfruttarla, anche per fare in modo che l’ingresso appaia più spazioso.

Il vetro

Sempre in tema di luminosità del vano di ingresso, un’altra questione da prendere in considerazione è quella relativa alla vetrata sulla porta: al di là di favorire l’entrata della luce naturale, questo elemento è a tutti gli effetti un dettaglio di design raffinato. Ovviamente è questione di gusti: c’è chi, per esempio, predilige le porte prive di vetrate perché danno un’impressione di maggiore sicurezza e di solidità superiore. A questo punto, l’ultimo fattore da valutare è relativo alla scelta del colore, magari con un effetto di contrasto rispetto al resto della casa.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *