Putin: “No alla forza, credo nella democrazia Monti un kamikaze per il bene dell’Italia”

//   2 marzo 2012   // 0 Commenti

putin

NOVO-OGAREVO (MOSCA) - La terza candidatura alla presidenza della Russia, più un mandato da premier? “Perfettamente normale, io passo attraverso le elezioni, la gente decide”. I brogli elettorali? “Non mi risulta, ma per questo ci sono i tribunali”. La piazza in protesta che denuncia “Russia Unita” come un partito di malfattori? “Puri slogan elettorali, battute da comizio”. Vladimir Putin risponde per due ore e mezza alle domande sui problemi di democrazia in Russia.

Presenta il suo programma per i sei anni di presidenza se domenica sarà eletto, scioglie i dubbi e ricandida ancora una volta Dmitrij Medvedev come premier, si impegna a non usare il pugno di ferro con l’opposizione e affronta i grandi temi aperti in politica estera: la Siria (“Noi vogliamo evitare che succeda quel che è successo in Libia, con quell’esecuzione medievale di Gheddafi”), l’Iran (“Ha diritto di avere il suo programma nucleare civile, sotto il controllo internazionale”), gli Stati Uniti (“Quando l’ho incontrato Obama in questa stessa sala, mi sono riconosciuto nelle sue idee”).

Infine, l’Italia: “Monti è un kamikaze, sta facendo tutto benissimo, me l’ha detto proprio ieri Silvio Berlusconi, di cui continuo ad essere un grande amico”.

Ci sono più poliziotti qui che nel centro di Mosca, anche nella zona del Cremlino. Si abbandona la Rubliovka (una volta circondata solo da dacie di legno e betulle, mentre adesso le vecchie case si trovano difianco vetrine Ferrari e Maserati, il Luxury Village, addirittura un Billionaire) e si gira a destra per una strada silenziosa e vuota col divieto d’accesso in cima, in mezzo ad un bosco pieno di neve. In fondo un grande muro bianco sormontato dall’aquila imperiale della Russia.

Quando si apre il gigantesco cancello di ferro si entra nella zona proibita di Novo-Ogarevo, il comprensorio del nuovo potere russo. A destra nel parco c’è la casa dove abita Putin, invisibile a tutti. A sinistra la pista per gli elicotteri. Davanti, adesso, un altro cancello con soldati di guardia in mimetica. Ed ecco la dacia dove Putin da dodici anni fa gli onori di casa a Capi di Stato e di governo e riceve i suoi ospiti ufficiali. Una grande costruzione gialla in stile moscovita virato al classico, con le colonne bianche sotto una piccola terrazza curva.

 

Fonte: La Repubblica


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *