Purificazione primaverile con Crab Apple: il fiore del melo selvatico

//   13 marzo 2016   // 0 Commenti

foto 104°art.DSC09508La Natura detiene sempre un dono a cui possiamo attingere per trovare un valido rimedio necessario alla nostra salute psicofisica.
Mai si deve perdere la speranza di stare meglio e con la Floriterapia si scopre che il nostro stato d’animo ci guida fino al miglioramento del nostro disagio. Non solo: proteggersi dalle circostanze spiacevoli, prima di arrivare alla malattia, è una grande consapevolezza. La prevenzione è sempre meglio della cura.
La Primavera è il momento migliore per acquisire un po’ di consapevolezza poiché è necessario attuare una purificazione, in primis, a livello psichico per riportare i nostri tratti disarmonici in equilibrio.
Il Dott. Edward Bach (padre della Floriterapia) non si stancava mai di ripetere: “Non importa quale sia la malattia, è solo lo stato d’animo che va curato, allora davvero si ripristina la salute”.
La stagione invernale porta ad essere più introversi, più malinconici, più stanchi, mentre la stagione primaverile apre alla vita e siamo così più predisposti a prendersi cura di noi stessi, tutta la Natura si risveglia, si rinnova, spuntano i germogli e sbocciano i primi fiori; ecco perché adesso abbiamo bisogno di nuove energie per il corpo e per l’anima.
Nella dolcezza della Primavera possiamo ritrovare una straordinaria carica per riaprirci all’esistenza e per tale motivo si può ricorrere al rimedio floreale Crab Apple (Malus Sylvestris). Tale toccasana rappresenta un ideale di purezza, di pulizia interiore e accettazione di sé così come si è. Risana anche quel pensiero che un qualunque veleno sia stato introdotto nel proprio corpo e deve essere espulso!
Osservando il fiore del melo selvatico si ha proprio l’impressione di una delicata purezza, di un dolce splendore ricco di vitalità.
Adatto inoltre a quegli individui dalla personalità schizzinosa, fissata per l’igiene personale e domestica o che presentano eruzioni cutanee e ferite superficiali. Appropriato a quelle persone che vivono male la sessualità in quanto azione impura e sporca o non amano essere abbracciati e baciati.
Crab Apple viene somministrato ai bimbi e agli adolescenti che non faranno mai i propri bisogni nei bagni sconosciuti, che vogliono essere puliti fino all’eccesso maniacale, che nutrono vergogna per il loro corpo. E molto spesso viene dato a chi ha eritemi, acne, catarri e raffreddori. Può essere usato per bagni e impacchi ed è presente anche nella pomata Rescue Cream.
Il “trait d’union” tra fiori di Bach e animali porta allo stesso risultato terapeutico della vita degli uomini, perché anche le nostre bestiole sono dotate di sensibilità particolarmente sviluppate.
In campo veterinario la somministrazione di Crab Apple è molto valida nei casi in cui, ad esempio un gatto, si pulisce in continuazione. Oppure per i “trovatelli selvaggi” che hanno bisogno di un’accurata ripulitura da parassitosi cutanea e viscerale. Ancora: è sostanziale per i soggetti “rifiutati” quindi abbandonati, con l’assunzione di questo rimedio l’animale via via allenta quel senso di incertezza dato dalla paura di non essere più accettato.
Riassumendo le spiegazioni fornite dal Dott. Bach sul funzionamento dei suoi fiori e la mia esperienza applicativa a diversi soggetti, posso dire che essi agiscono come catalizzatori vibrazionali, cioè viene utilizzata l’informazione energetica veicolata direttamente dall’essenza vitale del fiore.
Tutto ciò innesca una reazione a livello di comunicazione tra anima e personalità, inondandola in modo tale da modificare i difetti in virtù.
*** *** ***

Frase positiva: accetto le mie imperfezioni e io mi amo!

Giulia Zeroni
www.giuliazeroni.it


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *