Protesi PIP, le Regioni si adeguino al Protocollo Espianti

//   16 febbraio 2012   // 0 Commenti

protesi pip 300x207“Le Regioni recepiscano il prima possibile il Protocollo adottato lo scorso 9 febbraio dalla Conferenza Stato-Regioni per farsi carico delle spese relative agli interventi di tutte le pazienti portatrici delle protesi P.I.P.”. E’ quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (UNC).

“Al momento -spiega Dona- ci risulta che solo la Regione Toscana si sia adeguata alle linee guida dettate dal Ministero della salute che prevedono, per i casi ritenuti necessari dai chirurghi delle strutture pubbliche o private accreditate, il diritto ad una legittima assistenza sanitaria: è invece necessario che anche le altre Regioni si adeguino alle misure da adottare in caso di interventi di espianto delle protesi mammarie P.I.P. e successivo reimpianto con una nuova e più sicura protesi”.

“Da parte nostra -conclude Dona- ci rendiamo disponibili a veicolare le richieste di intervento di chi vorrà segnalare il proprio caso all’indirizzo consulenza@consumatori.it, indicando nell’oggetto ‘PROTESI PIP’ ”.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *