Primi passi per il riconoscimento del governo di Bengasi

//   11 agosto 2011   // 0 Commenti

baconschi

CLT1

la bandiera del CLT

Dopo che quasi tutti gli stati europei hanno riconosciuto il Consiglio Libico di Transizione in carica Bengasi come l’unico interlocutore credibile per le relazioni diplomatiche in Libia, anche la Romania sta cercando di allacciare i contatti.

Il ministro degli esteri Baconschi ha annunciato che ha provveduto all’invio di una prima delegazione diplomatica con lo scopo del riconoscimento ufficiale del governo in carica a Bengasi come unico soggetto con cui costruire le nuove relazioni bilaterali tra i due paesi dopo l’inizio delle operazioni militari dello scorso 23 marzo.

Secondo le dichiarazioni del ministro romeno il CLT è oggi una alternativa rappresentativa, credibile e democratica  nella quale il ruolo dell’estremismo islamico è minimale e con cui poter programmare il dopo Gheddafi.

Ad oggi la Romania partecipa alle operazioni militari nell’ambito del quadro NATO con una fregata e per bocca del ministro ha confermato l’impegno fino alla fine delle operazioni che saranno decise dai comandi militari alleati in sede atlantica.

Pur rimanendo un quadro di forte instabilità interna con i “ribelli” che devono combattere anche una lotta intestina tra le  diverse fazioni per la conquista di una maggiore visibilità e quote di potere si ritiene che ormai il leader della rivoluzione verde Gheddafi abbia perso ogni credibilità sia sul piano politico interno quanto su quello internazionale e che quindi si debbano mettere in atto tutte le strategie e le azioni per un  suo rapido avvicendamento e ristabilire uno stato democratico.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *