PASSI FALSI PER L’AGO DELLA BILANCIA. COME RIMEDIARE?

//   13 marzo 2015   // 0 Commenti

Foto 96°art.DSC09111COLAZIONE
Errore: La prima colazione è il pasto più importante, ma non serve affrontarlo con una bomba calorica come cappuccino e brioche alla crema o al cioccolato. Oltre alle troppe calorie di zuccheri qui sono in gioco una gran quantità di grassi e tali sostanze hanno un potere saziante molto basso, ciò provoca inevitabilmente il senso di fame già a metà mattina.
Virtù: un valido compromesso per non rinunciare al rituale della colazione al bar potrebbe essere quello di concedersela scegliendo un giorno alla settimana in cui il risveglio ha provocato del malumore. Oppure insieme al “cappuccio” si può prendere una crostatina mignon alla frutta. Ma la soluzione migliore resta sempre quella di consumare la colazione alla tavola di casa nostra, stando comodamente seduti per iniziare la giornata senza ingurgitare stress e fretta, consumando cibi sani come yogurt, latte vegetale, biscotti secchi, fiocchi di cereali integrali, miele.
PRANZO
Errore: in genere la pausa pranzo si basa sulla velocità e allora cosa si mangia? Un panino con dentro tutto e di più o un’ insalatona con tonno, dadini di formaggio, carciofini sottolio, uova, mozzarella, mais, oltre al condimento di varie salse. Se il pasto viene consumato a casa, è facile che diventi un pranzo costituito da un primo, un secondo, un pezzo di formaggio, una frutta o una porzione di dolce. Questo è un eccesso di calorie che vanifica tutti gli sforzi di stare vigili alla linea. Ricordarsi che il formaggio è un vero e proprio secondo piatto, come la carne e il pesce, in più apporta una quota di grassi molto elevata.
Virtù: una delle seguenti soluzioni è da prediligere. Se panino dev’essere che sia composto con pane integrale, insalata e bresaola (o prosciutto magro, o una fettina sottile di formaggio). Un piatto di verdure miste crude o cotte con delle patate lessate, così non c’è bisogno di mangiare il pane. Insalatona ok se aggiungiamo una sola fonte di proteine (per esempio: o mais o uovo eccetera), condita con un filo di olio e abbinando una piccola fetta di pane, vanno bene anche due gallette. Un primo ideale è senza dubbio una piccola porzione riso (o pasta integrale) con verdure e qualche gamberetto, oppure pomodoro, basilico e una cucchiaiata di parmigiano reggiano. Imparare ad utilizzare sempre le erbette aromatiche che donano ai cibi un gusto in più. Per salare di meno è molto utile il succo del limone fresco. La frutta diventa uno spuntino efficace per fare una pausa sia a metà mattino che a metà pomeriggio.
CENA
Errore: il più delle volte la cena è il momento più atteso della giornata, da sfruttare come relax, che si sia a casa o al ristorante, in compagnia, inoltre il pranzo spesso è frugale per cui la sera si tende a mangiare molto di più e anche a bere un bicchiere di vino oltre il dovuto, così si rischia di far andare le calorie alle stelle e far lavorare esageratamente il nostro fegato, senza dargli la possibilità di smaltire nel modo giusto le tossine.
Virtù: costruiamo il nostro futuro salutare scegliendo le proteine di origine vegetale (fagioli, ceci, piselli, lenticchie), ecco che delle vellutate di legumi, delle zuppe con tutti gli ortaggi misti saranno proprio i nostri pilastri. La scelta di una cena leggera ci potrà aiutare anche a dormire meglio.
Naturalmente se qualche volta capita una cenetta romantica o con gli amici non è una tragedia, basta stare attenti alle quantità ottimizzando con la rinuncia di qualche portata.
La regola ottimale per rispettare la nostra salute è: una colazione da re, un pranzo da principe, una cena da povero., insieme ad una masticazione estremamente lenta.
*** *** ***
“Errare humanum est, perseverare autem diabolicum” e… correggersi è un’essenziale virtù!!!

Giulia Zeroni – Consulente del benessere su misura
Economo Dietista – Dirigente di Comunità – Estetista olistica
E-mail: giuliazeroni@virgilio.it
Sito web: www.giuliazeroni.it


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *