Pasqua 2017: stop alla mattanza degli agnelli, numerose le iniziative di volontari e volti noti

//   11 aprile 2017   // 0 Commenti

agnelli

Sono circa 600mila gli agnelli che ogni anno vengono uccisi in Italia in occasione del pranzo pasquale. Un numero ingente di questi animali proviene dai paesi dell’Est Europa, poiché i prezzi sono più bassi, e non si possono trascurare le sofferenze che deve patire il bestiame trasportato senza cibo ed acqua.

 Per opporsi a questa mattanza si stanno svolgendo numerose iniziative sia da parte dei volontari delle associazioni animaliste, sia dei personaggi pubblici. Tra gli altri sono scesi in piazza alcuni giorni fa i volontari dell’Oipa, l’Organizzazione internazionale protezione animali, che hanno protestato vestiti da agnelli macchiati di sangue. “Quella dell’agnello non è una tradizione religiosa, ma una tradizione legata alla tavola. Con questa manifestazione noi vogliamo ricordare che è possibile celebrare la Pasqua con la vita e con la pace, invece che con la morte”, ha dichiarato il presidente dell’associazione, Massimo Comparotto. Insieme ai volontari Oipa, anche i City Angels e l’associazione Vita Universale.

Inoltre, la petizione lanciata da Enpa su Firmiamo.it ha raccolto oltre 34.000 firme di cittadini che chiedono la fine della macellazione degli agnelli in occasione della Pasqua. Marco Bravi, Presidente del Consiglio Nazionale di Enpa, ha spiegato: “Le vittime della cosiddetta ‘Pasqua di sangue’ sono cuccioli tra i 30 e i 40 giorni di vita, strappati prematuramente alle loro madri dopo una gravidanza di 5 mesi regolata in modo tale da poterli uccidere quando pesano circa una decina di chili. La pratica della macellazione è assolutamente atroce: la Pasqua è una festa dello spirito, non della carne. E senz’altro non della carne di migliaia di agnelli che ogni anno vengono sterminati per diventare un piatto di portata. Secondo le stime più recenti rilasciate dall’Istat, i numeri di questo massacro continuano ad essere impressionanti. per questo ribadiamo il nostro impegno a salvare i cuccioli di pecora dal mattatoio, invitando le persone a riflettere bene su ciò che si cela dietro a quelle confezioni anonime in cui viene imballato ciò che resta dei poveri agnelli”.

Non da ultimo il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi  ha voluto aderire alla campagna pasquale della Lega Italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente: “A Pasqua scegli la vita, scegli veg”, adottando cinque agnelli per salvarli da morte certa.

agnelli


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *