Parte il censimento generale 2011

//   20 ottobre 2011   // 0 Commenti

censimento

 

Bucarest – Oggi in Romania parte il dodicesimo censimento generale della popolazione che sarà composto da 80 domande suddivise in tre diversi capitoli.

Come nel resto d’Europa la compilazione del formulario è obbligatoria, pena una sanzione amministrativa, e verrà condotto seguendo la direttiva europea comune a tutti gli stati per poter poi comparare i risultati a livello centrale. Quest’anno verrà data particolare importanza ai dati relativi alla immigrazione ed alle attività, comprese quelle economiche, ad essa correlate.

Attraverso il censimento della popolazione potranno essere evidenziate le principali tendenze di crescita e sviluppo delle famiglie valutando nello specifico i dati che risulteranno.

La migrazione è un fenomeno che caratterizza la Romania, infatti si deve considerare che una grande parte della popolazione attiva lavora all’estero. Attualmente non ci sono dati di valutazione nazionale che indichino il numero esatto di persone che lavorano all’estero. La riduzione della popolazione attiva, in parallelo con l’aumento della popolazione crea problemi nel mondo del lavoro.

Non sarò obbligatorio rispondere a domande di carattere culturale, etnico, di disabilità, di lingue e di religione. Il questionario dovrà essere compilato da un membro adulto del nucleo famigliare. Per avere una fotografia più aderente alla realtà si procederà registrando la residenza e non il domicilio della popolazione.

il programma di censimento vedrà impegnate più di diecimila persone ed avrà un costo di circa 45 milioni di euro.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *