Democrazia paritaria: “Il concetto di ‘’quote’’ e’ ormai superato”.

//   21 marzo 2012   // 1 Commento

mara_cargfagna

Fidapa 2 300x123“Nelle varie dichiarazione del ministro Fornero e di altri esponenti del governo abbiamo rilevato come l’incremento dell’occupazione femminile sia una delle questioni su cui puntare – ha dichiarato ai microfoni di MONDOLIBERONLINE l’On. Mara Carfagna ai margini del convegno – non solo per creare un mercato del lavoro che sia piu’ moderno e piu’ inclusivo ma anche per creare tutte le condizioni necessarie finche’ la stessa economia italiana possa ripartire davvero”.

Il convegno e’ stato promosso dalla Fidapa (Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari), al fine di riequilibrare la presenza femminile nelle assemblee elettive a tutti i livelli, nazionale, regionale e locale. A sostenere la Fidapa in questa battaglia anche l’Associazione per le pari opportunità Empatia (www.empatiadonne.it) con l’obiettivo di proseguire il percorso di analisi e proposte in materia di scarsa rappresentanza delle donne in politica affrontato nel libro “Libera donna, libero Stato”.

“Cio’ non accadra’ se meta’ della popolazione – ha proseguito l’ex ministro delle Pari Opportunita’-  non viene ‘utilizzata’ nel migliore dei modi. Parliamo tra l’altro di quella meta’ della popolazione che oggi e’ altamente qualificata perche’ oggi le donne si laureano prima delle donne e anche meglio e sicuramente e’ uno spreco di talento e competenze che non ci possiamo permettere”.  

“Vero è anche che le donne che oggi siedono nei consigli comunali di cittadine con meno di 15.000 abitanti sono appena il 7% . La situazione è di poco migliore se si pensa alla totalità degli 8.500 comuni italiani: ce ne sono poco meno del 15%. E’ tempo, quindi, di invertire la rotta”. E’ quanto riportato nella pagina del suo blog in cui ha sottolineato il suo compiacimento riguardo al fatto che il concetto diquote’ “sia ormai superato”.

Un doppio auspicio e’stato, poi, quello espresso dalla Carfagna non solo che si arrivi, con questo fermento e spirito, al prossimo 26 marzo giorno in cui inizierà alla Camera la discussione della legge bipartisan sulla “doppia preferenza”. Un meccanismo che permetterà all’elettore di esprimere, in occasione delle elezioni per il rinnovo dei consigli comunali, una doppia preferenza, a patto che la seconda sia accordata ad un candidato di genere diverso dal primo. Ma anche che che il Parlamento possa approvare quanto prima il provvedimento in modo tale da avere, già alle Amministrative del 2013, un significativo incremento del numero di donne all’interno dei consigli comunali delle nostre città.

“Un modo per favorire l’ingresso di un maggior numero di donne all’interno delle assemblee elettive più vicine ai territori, senza introdurre “quote di genere”, ma sollecitando l’elettore a votare per un uomo e per una donna, attraverso una doppia preferenza non obbligatoria ma facoltativa e aggiuntiva”.


Articoli simili:

1 COMMENT

  1. Pingback: Democrazia paritaria: “Il concetto di ”quote” e’ ormai superato”. – MondoLiberOnline « Civitan International

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *