Palermo 4 Inter 3 il posticipo della 2° Giornata

//   11 settembre 2011   // 0 Commenti

 Palermo ancora indigesta per Gasperini. Gara dalle mille emozioni al Barbera. I nerazzurri per due volte in vantaggio, si fanno raggiungere e superare nel caldo finale della bolgia del Barbera. Il verdetto del posticipo della 2° giornata e’ impietoso per l’Inter che esce frastornata dal Barbera, 4 a 3 per il Palermo. La differenza la fanno le scelte degli allenatori, Mangia (7) si affida per tutta la partita a Miccoli (7,5) e non sostituisce il talento rosanero neanche quando, a fine partita, è spremuto. E viene ripagato da una punizione magistrale di Miccoli all’ 86 per il provvisorio 3 a 2, oltre che da lampi e invenzioni per tutta la partita.

Gasperini inizia questa settimana di fuoco, con gli impegni prima di coppa e poi di campionato contro la Roma, andando avanti con le sue idee. Zarate (5) e Forlan (6)in campo, rinunciando a Wesley Sneijder, che si accomoda in panchina. E se almeno l’uruguaiano si sacrifica molto sulle fasce, segnando poi la terza rete interista, l’ex laziale non lascia nessun segno della sua presenza in campo e viene sostituito durante il primo tempo. E l’olandese (6,5) con suoi lanci e i suoi movimenti rianima l’avanti dell’Inter.

E se davanti Milito (6), FoPalermo Inter 4 3 Miccolrlan si sono mossi bene, grazie anche agli inserimenti offensivi dei centrocampisti e degli esterni, la sopresa, negativa, della serata e’ stata la retroguardia interista. Julio Cesar (4) colpevole almeno sulle ultime due reti e una difesa a tre lasciata in balia degli avversari, senza l’opportuna copertura del centrocampo e in particolare degli esterni. Samuel (5) e Lucio (5) hanno perso spesso gli uno contro uno con gli avversari. L’ottimo Zanetti (7) avrebbe fatto comodo maggiormente in fascia, lasciando il posto, in mezzo alla difesa, al nazionale Ranocchia, parcheggiato in panchina. Interessanti le prove di Jonathan (6,5) e Alvarez (6,5), entrato a partita in corso e il cui talento avrebbe fatto comodo, forse, per tutta la partiva. Vista anche la scarsa prova di Stankovic e Cambiasso.

Il Palermo, condotto per mano Miccoli, ha iniziato la partita con un pressing asfissiante per almeno 30 minuti. Poi nonostante un caldo torrido, è riuscito a ribltare il risultato e, sospinto dal pubblico del Barbera, a chiudere la partita.

Nel Palermo da segnalare oltre a Miccoli, Ilicic (6,5 )Hernandez (6,5) e Pinilla (6,5).

Una partita che lascia quindi degli interrogativi, fa sciogliere meglio se a breve. Zamparini deve decidere se dare fiducia a questo giovane e inesperto allenatore. Il vilcanico presidente darà fiducia an nuovo mister o rincorrerà un nome di grido?

Per Gasperini i nodi sono piu’ ardui, deve decidere moduli e schemi di gioco. Lo farà in base alle sue convinzioni o ai giocatori che ha a disposizione? Vedremo, intanto la stecca della prima partita è stata dolorosa.

Le reti:  33′ e 51′ rigore Milito, 49′ e 86′ Miccoli, 54′ Hernandez, 88′ Pinilla,  91′ Forlan.
 
U

 

 

 


Tags:

gasperini

inter

miccoli

palermo


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *