Padova: sequestro di articoli scolastici

//   13 settembre 2011   // 0 Commenti

guardia-di-finanza

pennarelliNeanche il tempo di sentire la campanella inaugurale del nuovo anno scolastico che subito scatta con successo l’operazione “Scuole Sicure” condotta dai Finanzieri del comando provinciale di Padova. L’azione preventiva delle forze dell’ordine ha evitato l’immissione nel mercato scolastico padovano oltre 12 mila articoli illegali, privi di “etichetta” e probabilmente composti da materiali tossici e pericolosi. I blitz, compiuti dalle fiamme gialle ai danni di tre commercianti cinesi, è stato è stato effettuato nella zona industriale di Padova – sede di grandi magazzini cinesi all’ingrosso – e nel territorio comunale di Este.

Pennarelli, evidenziatori, penne ed altri articoli di scrittura sono ora al vaglio dei laboratori dell’Università di Padova, dell’Ulss 16 e dell’Arpav per verificare l’eventuale presenza di inchiostri e coloranti tossici. Le migliaia di articoli ora sotto sequestro, sono infatti privi delle più basilari indicazioni sulla loro fabbricazione, provenienza e composizione. In alcuni casi è del tutto assente la denominazione del prodotto, in altri la ragione sociale o il marchio del produttore o dell’importatore nella comunità europea, in altri ancora mancano le indicazioni sulla presenza o meno di sostanze nocive per la salute o per l’ambiente.

Oltre al materiale scolastico, sono stati sequestrati 2.500 giocattoli che non rispondono agli standard di sicurezza, 500 orologi con marchio contraffatto (“hip hop”) e 3.000 orecchini e piercing in cui è stata rilevata una presenza di nickel superiore ai limiti di legge.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *