Operazione GDF, Bordoni: ”Tutelato il commercio legale”.

//   16 gennaio 2012   // 0 Commenti

davide bordoni

«A nome dell’amministrazione capitolina esprimo vivo apprezzamento per la vasta operazione portata avanti dalla Guardia di Finanza sul territorio romano. Il doppio intervento in divisa e in abiti civili delle Fiamme Gialle sta garantendo una sorveglianza su tutti i fronti, a tutela del commercio legale e dei titolari di attività produttive che, seguendo le regole, si trovano spesso insidiati da chi pratica abusivismo. L’attività di controllo della Guardia di Finanza si affianca alla task force contro gli illegali messa in campo dalla Polizia locale di Roma Capitale. Le due forze collaborano infatti in modo sinergico e il loro lavoro sarà potenziato nei prossimi mesi dal rinnovo della campagna di comunicazione ‘No al falso’ promossa da Roma Capitale che, informando il consumatore, sottolinea l’importanza di acquistare solo e sempre prodotti non contraffatti e Made in Italy».

Infatti dopo i blitz nella lussuosa Cortina d’Ampezzo, i militari della guardia di finanza hanno passato al setaccio tutte le strade dello shopping della Roma bene. Con questo blitz le Fiamme Gialle hanno rilevato 190 violazioni quasi tutte legate alla mancata emissione di scontrini fiscali su oltre 400 controlli effettuati. Tradotto in percentuale, siamo praticamente vicino al 50% di esercizi non in regola tra quelli visitati.
Per tutta la giornata di ieri 250 militari in borghese hanno operato in quattro zone della città – centro storico, Colombo-Marconi all’Eur, via della Conciliazione-via Cola di Rienzo nel quartiere Prati e sul litorale di Ostia – sequestrando 500mila prodotti contraffatti. Le Fiamme Gialle hanno reso noto che l’operazione aveva l’obiettivo di tutelare gli operatori economici “regolari” dalla sleale concorrenza degli abusivi, ma pure quello di evitare che gli esercenti che rispettano gli obblighi di emissione dei documenti fiscali finiscano con il risultare indebitamente “svantaggiati” rispetto a loro concorrenti che violano le norme tributarie.
Nel 2011 i controlli eseguiti nella Capitale erano stati 20mila con 9.100 violazioni sanzionate. Da quando il nuovo governo si è insediato, la guardia di finanza ha avviato accertamenti a largo raggio in diverse città italiane. La caccia all’evasore, accompagnata da non poche polemiche, era partita da Cortina d’Ampezzo in occasione delle feste di Capodanno. A Roma, dopo l’operazione di ieri, i militari hanno annunciato per la prossima settimana altri controlli a tappeto in tutta la provincia.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *