OGONILAND: aziende italiane nella bonifica ambientale

//   4 settembre 2018   // 0 Commenti

schermata-2018-09-04-alle-07-43-49

La società nigeriana Zed International ha scelto alcune tecnologie italiane per proporsi nel piano di bonifica locale e in questi giorni sarà loro assegnata l’area spettante, dopo ben due anni di procedura burocratica.

La regione nel delta del fiume Niger è contaminata da anni dalla distruzione causata dalle perdite e danneggiamenti agli impianti petroliferi e alle tubazioni, mostrata a una società internazionale poco consapevole e poco interessata dell’ambiente, incurante delle pressioni della popolazione locale, il fallimento del governo che usa questo inferno remoto per cercare di attingere solo ingenti fondi internazionali, che si perdono nelle molteplici tasche della corruzione. Nel frattempo i sono comunità che non hanno rimedio, sono costretti ad allontanarsi perché l’acqua e la terra sono distrutti e lì non si può più vivere.

Da quando il governo ha promesso la bonifica, la produzione di petrolio è invece aumentata oltre 2,25 milioni di barili al giorno ma la pulizia di Ogoni resta un miraggio.

Il rapporto sull’ambiente delle Nazioni Unite Progamme (UNEP), che ha ordinato l’intervento, rimarca i lenti passi e l’uso della situazione per fare solo politica. Questo atteggiamento incita i giovani ad azioni danneggiatrici contro le infrastrutture, incrementando la criminalità.

Nel frattempo il Movimento per la sopravvivenza del Popolo Ogoni (MOSOP) rileva la ripresa delle attività di esplorazione petrolifera nella regione.

Da parte sua, il Governo sostiene che i fondi attuali, oltre due miliardi di dollari, sono domiciliati nel fondo fiduciario Ogoni Clean Up e il progetto ha concluso i processi di offerta, ma contrariamente a quanto sostiene le attività di pulizia non sono in corso e le compagnie petrolifere non sembrano aver trasferito ancora i fondi dedicati a quanto da loro dovuto.

In questi giorni la Zed ha ricevuto la propria mappa d’intervento nella zona, con la promessa che sarebbero stato stanziato il primo step economico per l’organizzazione.

La Zed International è una società nigeriana, riconosciuta dall’organismo per l’ambiente (NOSDRA), come previsto dal progetto, ma promossa da un ingegnere e un architetto nigeriani che hanno studiato e creato la loro famiglia in Italia, con la consapevolezza che molte aziende italiane hanno la capacità tecnica di poter essere leader in questo settore.


Articoli simili:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *